Conte ha firmato il decreto. Ecco chi può lavorare e chi no

Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha firmato il Dpcm che dispone nuove misure restrittive per l'emergenza coronavirus

Conte

Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha firmato il Dpcm che dispone nuove misure restrittive per l’emergenza coronavirus.

In allegato al decreto c’è un elenco di 80 voci, con relativi codici Ateco, che individuano le categorie di attività che possono proseguire il lavoro. Chi non è nell’elenco, deve “sospendere le operazioni entro il 25 marzo 2020, compresa la spedizione della merce in giacenza”.

LE AZIENDE CHE POSSONO CONTINUARE A LAVORARE

Le aziende non in elenco possono però “comunque proseguire se organizzate in modalità a distanza o lavoro agile“, si legge ancora nel testo. Il nuovo decreto è valido fino al 3 aprile.

IL TESTO DEL DECRETO DEL 22 MARZO 2020

Tra le 80 voci nell’elenco delle attività che continueranno a rimanere aperte dopo la nuova stretta per contenere l’epidemia del Coronavirus ci sono quelle legate alle famiglie, l’intera filiera alimentare per bevande e cibo, quella dei dispositivi medico-sanitari e della farmaceutica, ma anche i call center.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 22 Marzo 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore