Le aziende che non lavorano sulla sostenibilità non hanno futuro

Franco Fenoglio, amministratore delegato e presidente di Italscania, azienda produttrice di veicoli industriali spiega come affrontare la transizione. «Iniziamo a utilizzare ciò che di buono c'è già: il diesel Euro 6 ha abbattuto il particolato del 95 per cento»

Ascoltare Franco Fenoglio, amministratore delegato e presidente di Italscania, è un buon esercizio per abbattere molti luoghi comuni che riguardano il trasporto su gomma e la sostenibilità ambientale di questo business. Certo, lui è parte interessata in quanto Scania costruisce e vende veicoli industriali, i “bisonti” che  vediamo attraversare in lungo e in largo la penisola in autostrada. Il suo intervento alla recente giornata di studi sull’economia circolare e la sostenibilità organizzata dall’università Liuc di Castellanza ha avuto il merito di aprire il dibattito su aspetti che in genere si rifanno a veri e propri luoghi comuni. (Foto di Peter H da Pixabay )
L’esempio principale riguarda l’impatto ambientale dei motori diesel, in particolare gli Euro 6 che dati alla mano, secondo Fenoglio, hanno abbattuto il particolato del 95 per cento. «Tutti stiamo lavorando per l’elettrico e l’idrogeno – ha detto l’ad di Scania – ma dobbiamo fare una transizione per far sì che il mito dell’elettrico diventi realtà, quindi iniziamo ad usare ciò che di buono c’è già, a partire dai nuovi motori Diesel, il biometano e Lng (il gas naturale liquefatto) che è a bassissimo impatto ambientale e può essere utilizzato anche dai mezzi pesanti. Altrimenti tra trent’anni ci chiederanno: ma chi è che ha immesso nell’ambiente tutte queste batterie?».

In Italia il 76% delle merci viaggia su gomma, peggio di noi fanno l’Inghilterra  e la Spagna con il 90%. La Germania, come al solito, è la prima della classe. Il governo tedesco fin da subito ha capito che la sostenibilità richiede un investimento necessario, nella consapevolezza che i frutti si vedranno nel breve e medio periodo. E così la Germania ha investito sulle infrastrutture trasformando il trasporto merci nella bandiera del paese.

La situazione italiana è paradossale perché a fronte di un parco mezzi piuttosto vecchio, gli unici che si stanno muovendo per svecchiarlo, secondo Fenoglio, sono i privati mentre lo Stato dà un pessimo esempio. In Italia ci sono 652mila mezzi con un’età media di 13 anni e circa 420mila mezzi pesanti sono ante euro 4. «L’età media dei mezzi pubblici è compresa tra i 20 e 25 anni – conclude Fenoglio – quindi lo Stato non ha investito in sostenibilità. Con la transizione in atto riusciremo a mecciare gli obiettivi dell’Unione Europea se utilizziamo ciò che di buono c’è già e se facciamo investimenti: ci sono 130 miliardi di euro pronti per essere spesi in infrastrutture per lavorare sulla logistica. Le aziende che non lavorano sulla sostenibilità non hanno futuro»

di michele.mancino@varesenews.it
Pubblicato il 19 Ottobre 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore