Varese News

La doppia faccia del Calzaturificio Borri: “Davanti il restauro, dietro il degrado”

Nel video di un residente si vedono alcune persone che entrano nella struttura di notte: "La polizia locale sta davanti alla coop delle mezze giornate a vedere se indossi bene la mascherina, ma di sera liberi tutti"

Davanti c’è la facciata storica, con il recupero in corso. Dietro invece regna il degrado. È questa la doppia faccia del Calzaturificio Borri, lo stabile di proprietà del Comune sul quale sono iniziati una serie di lavori di recupero nell’ambito della convenzione tra amministrazione comunale e Coop Lombardia (che di fianco ha costruito un supermercato, ndr).

E mentre il recupero dello storico stabilimento produttivo procede -senza però una chiara visione della sua destinazione- un video di un residente nell’area mostra quello che dal Viale della Gloria non si vede.

Area comunale con tanto di sbarra inesistente, cancello mai chiuso nonostante sia interdetto l’ingresso e pieno di monnezza” scrive il lettore a commento di un video che mostra alcune persone che entrano all’interno della struttura. “Coprifuoco violato, ieri domenica 3 gennaio erano le 23.15” continua, puntualizzando poi come “la polizia locale sta davanti alla coop delle mezze giornate a vedere se indossi bene la mascherina, ma di sera liberi tutti. E’ uno schifo”.

Ex-calzaturificio Borri, avanza il restauro mentre in città si discute il futuro

di
Pubblicato il 05 Gennaio 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore