Scende la curva dei contagi nel Varesotto, Ats Insubria apre un faro sui focolai in azienda

Bulgheroni: "Ci sono stati piccoli focolai che hanno coinvolto tra i 2 e i 30 contagiati sullo stesso luogo di lavoro: sono quota relativa, pari circa al 5% dei focolai del territorio"

mappa ats insubria

La curva dei nuovi contagi da coronavirus è ancora in una fase di lenta riduzione. L’effetto dei provvedimenti restrittivi che hanno inciso a lungo sui comportamenti dei cittadini anche nel Varesotto traspare dai grafici settimanali preparati da ATS Insubria che, a differenza dei dati resi pubblici giornalmente, può consultare anche i parametri sulle provenienze dei contagi e altri dati utili a comprendere l’evoluzione dell’epidemia sul territorio.

Il primo confronto riguarda i numeri dei tamponi registrati in due periodi differenti: se tra il 2 e l’8 aprile in provincia di Varese erano stati eseguiti 22.723 tamponi per un totale di 1.899 nuovi cittadini positivi con un incidenza di 212 nuovi contagi ogni 100mila abitanti; tra il 9 aprile e il 15 aprile, sulla stessa quantità di tamponi eseguiti, sono stati 1.722 i nuovi positivi con un incidenza di 192 nuovi contagi ogni 100mila abitanti.

Questo cambia anche l’immagine della distribuzione dei contagi con un territorio provinciale omogeneamente meno colpito rispetto a 15 giorni fa.

Preoccupano i focolai nelle aziende

L’attenzione di Ats Insubria si concentra maggiormente in questa fase su quanto sta succedendo nelle aziende. Emergono infatti alcuni focolai sui posti di lavoro e per controllare la situazione, e nel caso intervenire con puntualità ed efficacia, è stato deciso di aprire una sezione appositamente dedicata sul portale Emercovid, che ha dato buoni risultati per quanto riguarda il monitoraggio nei comuni prima e nelle scuole poi.

«I numeri non devono spaventare – spiega il dottor Paolo Bulgheroni -. Ci sono stati piccoli focolai che hanno coinvolto tra i 2 e i 30 contagiati sullo stesso luogo di lavoro: sono quota relativa, pari circa al 5% dei focolai del territorio. La maggior parte rimane in ambito famigliare e domestico, ma è importante intercettare anche i possibili contagi che si sviluppano nelle aziende del territorio Emercovid aziende va in questo senso, è uno strumento in più di monitoraggio. In azienda si potrà così avere un controllo costante e puntuale per capire se ci sono diffusioni e andare ad intervenire nel caso si renda necessario».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 15 Aprile 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore