«Basso e Zanatta mi hanno detto “Vai e vinci”. Mi sono fidato e ce l’ho fatta»

Lorenzo Fortunato racconta il successo al Giro d'Italia in cima allo Zoncolan. L'abbraccio con Luca Spada: "Questo ragazzo è oltre il fantastico"

lorenzo fortunato ciclismo luca spada

«Questo ragazzo è oltre il fantastico». Luca Spada è tra i primi ad abbracciare Lorenzo Fortunato, nel piccolo gazebo dedicato al vincitore, dietro al podio di ogni tappa del Giro d’Italia. L’imprenditore di Morosolo, sponsor principale del team Eolo-Kometa, stringe a sé e ringrazia il giovane bolognese, ancora con addosso i segni della fatica per aver domato prima di tutti il gigante Zoncolan.

Bolognese delle colline, Fortunato è compaesano di un altro tizio che in montagna ci sapeva fare piuttosto bene, Alberto Tomba da Castel de’ Britti. Ma a differenza dell’Albertone delle nevi, il corridore della Eolo-Kometa non è abituato alla vittoria, almeno per adesso. «Oggi è la mia prima da professionista – racconta ai microfoni della Rai – non vincevo una gara dal 2016 e anche quel giorno ero in fuga con Vincenzo (Albanese ndr), tra i dilettanti».

Giro d’Italia, il sogno della Eolo-Kometa è realtà: Fortunato vince in cima allo Zoncolan

Albanese che in corsa è stato l’appoggio più importante per Lorenzo: «È stato lui a portarmi fuori dal gruppo quando è iniziata la fuga. Gli sono andato a ruota e lui mi ha tenuto tranquillo per tutto il tempo, poi, quando è iniziata la salita, è toccato a me attaccare».

Una condotta di gara che non è stata improvvisata: in casa-Eolo, anzi, era proprio lui l’attaccante designato. «Questa mattina Ivan e Stefano (Basso e il ds Zanatta ndr) mi hanno detto: “vai in fuga e vinciamo la tappa”. Io non ci credevo tanto ma li ho ascoltati ed è andata bene. Non mi monto la testa, però nei giorni scorsi avevo visto che stavo bene in salita e che riuscivo spesso ad arrivare a ridosso dei primi venti. Ero contento, però so anche di avere in una ammiraglia Basso e Zanatta e nell’altra Yates ed Hernandez, tutta gente che ha vinto tanto in carriera, in auto o in sella. Mi sono fidato di loro».

SPECIALE GIRO D’ITALIA
In collaborazione 
con Bieffe Cicli e con La Bottega del Romeo

Quello “squillo” nelle Asturie: così ha spiccato il volo Lorenzo Fortunato

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 22 Maggio 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore