Giornata mondiale delle api, Crotti: “Gli apicoltori rivestono un ruolo fondamentale per la biodiversità”

Il presidente di Confagricoltura Lombardia, Riccardo Crotti, ricorda i numeri di un settore in costante aumento e centrale nella tutela dell’ambiente e di numerose colture: “Viviamo questa occasione per consolidare il ruolo degli apicoltori”

Api e insetti impollinatori nelle foto dei lettori di Varesenews

In occasione della giornata internazionale delle api, Confagricoltura Lombardia si impegna a sensibilizzare l’opinione pubblica sull’importanza degli impollinatori per le numerose colture alimentari. «È una giornata a cui la nostra Organizzazione è molto affezionata – ha dichiarato Riccardo Crotti, presidente regionale di Confagricoltura – in quanto senza le api gli attuali livelli di produttività potrebbero essere mantenuti solamente ad altissimi costi attraverso l’impollinazione artificiale e negli ultimi 50 anni la produzione agricola ha avuto un incremento di circa il 30% grazie al contributo diretto degli insetti impollinatori».

Si stima infatti che in Europa la produzione di circa l’80% delle 264 specie coltivate dipenda dall’attività delle api e che il 75% del cibo sia frutto del lavoro di impollinazione delle api senza le quali non potremmo coltivare circa il 60% di frutta e verdura, così come migliaia di piante da fiore: «Il settore apistico – ha aggiunto il presidente Crotti – è quindi centrale nel comparto agricolo sia per i dati sulla produzione annuale sia per la funzione centrale a tutela dell’ambiente e della biodiversità. Per questi motivi è necessario aiutare sempre più gli apicoltori nella gestione degli oltre 150mila alveari presenti in Lombardia attraverso una legislazione che permetta di incrementare le aree di produzione e migliorare la specializzazione della selezione delle api».

Inoltre, al contrario di quanto spesso è emerso a livello mediatico, gli apicoltori censiti in Italia sono in costante aumento: circa 65.000, cui se ne aggiungono almeno altri 10.000 che, specie tra i giovani, nonostante la pandemia, stanno manifestando il proposito di avvicinarsi a questo allevamento seguendo i necessari corsi di formazione. Aumenta anche il patrimonio apistico nazionale che nell’ultimo censimento 2020 ha raggiunto la quota di 1.950.000 alveari.

«I nostri apicoltori – ha concluso Riccardo Crotti – sono pronti a continuare la promozione del consumo di miele locale investendo nelle nuove generazioni e nelle tecnologie più moderne sempre nel rispetto della tradizione italiana».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 20 Maggio 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore