Javorcic saluta la Pro Patria, gli indizi portano al Südtirol

Dopo più di 4 anni e oltre 160 panchine, si dividono le strade della società biancoblu e del tecnico croato

Serie C: Pro Patria - Novara

Dal 17 aprile 2017 sulla panchina della Pro Patria c’era Ivan Javorcic. Allenatore colto e preparato, che in questi quattro anni ha portato la formazione bustocca dalla Serie D al quinto post in Serie C, vincendo lo Scudetto di Serie D e poi per tre anni di fila ai playoff.

A sceglierlo per sostituire Roberto Bonazzi fu Sandro Turotti, che dimostrò anche in quella circostanza di avere l’occhio lungo. Javorcic infatti arrivava da qualche stagione alla guida delle giovanili del Brescia – salvo un paio di gare ad interim in Serie B – e una poco fortunata avventura a Mantova.

Da quell’aprile del 2017, mister Javorcic si è seduto sulla panchina biancoblu più di 160 volte tra campionato, playoff e Coppa Italia, diventando uno degli allenatori di più lungo corso della gloriosa storia della Pro. Più dei risultati, l’allenatore croato è riuscito a costruire una squadra che ha lottato alla pari, spesso vincendo, contro avversari ben più quotati e con un portafogli ben più pieni.

Ora però è arrivato il momento dei saluti. Per il tecnico croato il futuro sarà a Bolzano, in Alto Adige, alla guida del Südtirol, formazione ambiziosa che da anno punta al salto in Serie B e che ha già ufficializzato l’addio con Stefano Vecchi, che come assistente aveva un altro ex Pro Patria, Aldo Monza. Per Javorcic è pronto un biennale e un progetto che punti spedito alla Cadetteria. Con il ritorno ai gironi “orizzontali”, la squadra altoatesina dovrebbe essere un’avversaria della Pro in campionato.

A Sandro Turotti si chiederà invece, anche questa volta, di scegliere un tecnico che possa dare un futuro positivo alla Pro Patria. Un nuovo Javorcic, insomma.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 07 Giugno 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore