Pass covid europeo: da oggi è operativo in 7 stati

Con l'1 giugno entra in funzione il sistema tecnico per la verifica dei certificati. Bulgaria, Cechia, Danimarca, Germania, Grecia, Croazia e Polonia hanno deciso di connettersi al gateway e hanno iniziato a rilasciare i primi certificati UE

green pass

La data di oggi segna un’altra tappa importante per il certificato COVID digitale UE con l’entrata in funzione del sistema tecnico predisposto a livello dell’UE per la verifica dei certificati in modo sicuro e nel rispetto della vita privata. Il certificato UE, proposto dalla Commissione per poter riprendere a viaggiare in sicurezza quest’estate, sarà gratuito, sicuro e accessibile a tutti. Disponibile in formato digitale o cartaceo, servirà a dimostrare che una persona è stata vaccinata contro la COVID-19, che è risultata negativa al test o che è guarita da un’infezione.

In seguito all’accordo politico sul regolamento che disciplina il certificato, raggiunto il 20 maggio tra il Parlamento europeo e il Consiglio, oggi entra in funzione la struttura portante tecnica del sistema dell’UE. Predisposto in soli due mesi, il gateway dell’UE consente la verifica degli elementi di sicurezza contenuti nei codici QR di tutti i certificati, di modo che i cittadini e le autorità siano certi della loro autenticità. Nessun dato personale viene scambiato né conservato nel corso di tale processo. L’entrata in funzione del gateway completa i lavori preparatori a livello dell’UE.

Il regolamento sarà applicato dal 1º luglio, ma tutti gli Stati membri che hanno eseguito i test tecnici con esiti positivi e sono pronti a rilasciare e verificare certificati possono già iniziare ad usare il sistema su base volontaria. Già oggi sette Stati membri – Bulgaria, Cechia, Danimarca, Germania, Grecia, Croazia e Polonia – hanno deciso di connettersi al gateway e hanno iniziato a rilasciare i primi certificati UE, mentre alcuni paesi attenderanno che tutte le funzionalità siano disponibili a livello nazionale prima di cominciare a rilasciare i certificati COVID digitali UE. Molti altri paesi aderiranno quindi nei prossimi giorni e nelle prossime settimane. Una panoramica aggiornata è consultabile sull’apposita pagina web.

Prossime tappe
L’accordo politico del 20 maggio deve essere adottato formalmente dal Parlamento europeo e dal Consiglio. Il regolamento entrerà in vigore il 1º luglio, con un periodo di transizione di sei settimane per il rilascio dei certificati negli Stati membri che hanno bisogno di più tempo. Parallelamente la Commissione continuerà a fornire assistenza tecnica e sostegno finanziario agli Stati membri per poter usare il gateway.

PER APPROFONDIMENTI

Domande e risposte (aggiornamento)

Scheda informativa

Sito web

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 01 Giugno 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore