I 5 Stelle all’attacco sul Campus sportivo di Busto Arsizio: “Di nuovo solo la recinzione”

La consigliera pentastellata chiede lumi sui 300 mila euro che la Provincia ha stanziato per recintare l'area di cantiere che giace ancora in stato di abbandono

claudia cerini palaghiaccio

Il Movimento 5 Stelle va all’attacco della giunta Antonelli sul campus di Beata Giuliana, l’eterna promessa di Busto Arsizio che non riesce a trovare la via della realizzazione da ormai 14 anni.

La consigliera comunale Claudia Cerini ricorda subito l’ultimo capitolo della saga  che riguarda un finanziamento di 300.000 € stanziati dalla Provincia di Varese (quindi dallo stesso sindaco Antonelli) al Comune di Busto Arsizio per sistemare e recintare l’area del futuro “parco dello sport” dove oggi sorge solo lo scheletro di un palaghiaccio voluto dall’ex presidente della Provincia Marco Reguzzoni nei primi anni 2000.

Cerini ripercorre la storia di questo progetto: «Nel 2007 la Provincia firma una convenzione con il Comune di Busto Arsizio per la realizzazione di un parco dello sport a Beata Giuliana e successivamente viene avviato il progetto per un palazzetto del ghiaccio, costato 3 milioni più altrettanti anticipati dalla Provincia al comune di Busto per proseguire i lavori».

«Nel 2011 la società affidataria dell’appalto rinuncia ai lavori e lascia un edificio allo stato embrionale con le sole strutture realizzate. Nel 2017 un nuovo bando vinto da Vip Immobiliare che prevedeva la realizzazione del palaghiaccio e altre strutture sempre in ambito soportivo ma venne annullato per una falsa fidejussione presentata al comune. Antonelli cambia progetto e immagina di portare a Beata Giuliana il palaginnastica per la Pro Patria che oggi si allena in spazi non adeguati. La stima delle opere passa da 15 a 22 mln di euro in project financing, due palazzetti, uno polifunzionale che potrà essere utilizzato per il pattinaggio d’inverno e uno dedicato alla ginnastica per dare una casa alla Pro Patria Ginnastica, una piazzetta e un ristorante.
A luglio 2019 la Noka service srl presenta, insieme ad Acquaverde Costruzioni una proposta di
progettazione esecutiva, realizzazione, manutenzione, conduzione e gestione funzionale ed economica
dell’impianto sportivo denominato Campus Beata Giuliana».

Nel 2020 il bando viene vinto dall’unico raggruppamento di imprese partecipanti, capitanato da Noka Service srl. La nuova stima delle opere arriva a 36 milioni (di cui 4,5 dovrebbero essere stanziati dal Comune) e comprende palaghiaccio (con pista supplementare d’allenamento), palaginnastica, palestra di
roccia, studi medici e di riabilitazione, spazi commerciali,

Cosa è accaduto da allora ad oggi?  «Si defila Acquaverde Costruzioni, mentre Isol Sistem sostituisce Noka service come capofila e, nonostante l’ottimismo mostrato da sindaco e dirigenti, che prevedono l’avvio dei lavori per aprile 2021, tutto rimane fermo – spiega la consigliera -. Fino ad arrivare al mese di luglio di quest’anno dove, a fronte di nessun intervento ancora avviato, il sindaco Antonelli dichiara di voler passare a vie legali mentre dall’altra parte l’amministratore di Noka service, Stefano Perboni, dichiara non esserci tutte le condizioni per procedere».

Arriviamo quindi ad agosto con l’ultima sorpresa come si legge dalla stampa, un finanziamento della
Provincia (sempre a guida Antonelli) di 300.000 euro per recintare sistemare l’area: «Da un nostro sopralluogo l’area appare oggi piena di sterpaglie e abbandonata, però ci chiediamo: con quale giustificazione la Provincia devolve questi soldi al Comune di Busto Arsizio? Il progetto sembra in stallo, non c’è una tempistica certa, e forse si andrà per vie legali e un Ente pubblico elargisce soldi a fondo perduto in questo modo? Sembra tanto un’operazione puramente elettorale, fatta con i soldi dei contribuenti, per nascondere alla vista dei cittadini di Busto Arsizio quello che doveva essere un’opera simbolo sbandierata per anni dall’amministrazione e che si sta trasformando in un fallimento» – conclude Claudia Cerini.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 25 Agosto 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore