Uyba senza paura: sfida alle corazzate per la Coppa Italia

Sabato e domenica a Verona: Busto subito con Novara (ore 18) con 300 tifosi. Finale di A2, derby varesotto: Biganzoli (Mondovì) contro Bordignon (Sassuolo)

pallavolo uyba britt herbots

Dopo la vittoria casalinga contro Chieri, la Unet E-Work Busto Arsizio ha raggiunto Verona per la Final Four di Coppa Italia che la vedrà impegnata sabato 2 febbraio, alle ore 18, contro la corazzata Igor Gorgonzola Novara, campione d’Italia in carica (diretta su RaiSport+ HD).

Scontato dire che per le biancorosse sarà una partita difficile (per molte delle farfalle è la prima Final Four in carriera) ma Gennari e compagne hanno il morale alto visti i recenti progressi in Europa e in campionato. Le giocatrici della Unet sono pronte a combattere e a provarci fino alla fine, sostenute anche dagli oltre 300 tifosi che le accompagneranno e coloreranno gli spalti dell’AGSM Forum (o PalaOlimpia) di Verona. Foto in alto: Herbots / Alemani-Volleybusto

Novara, allenata dall’esperto Massimo Barbolini (7 “coccarde” vinte in carriera!), arriva da un periodo di alti e bassi, con ben tre sconfitte nelle ultime cinque gare, ma è attualmente ancora al primo posto in classifica a pari punti con Conegliano. Le piemontesi sono alla ricerca di riscatto e ciò può complicare le cose in casa bustocca.

Per Mencarelli ancora in forse la presenza in campo della centrale Samadan, l’ultima arrivata in casa Uyba; per lei una diagnosi di lombalgia acuta da discopatia, che l’ha tenuta fuori dal campo nella partita contro Chieri e che non le ha permesso di allenarsi. Ogni valutazione sulla sua presenza in campo contro Novara, è rimandata alle ultime ore prima della partita.

Dall’altra parte della rete coach Barbolini potrà contare sulla regia di Carlini in diagonale con la fortissima Paola Egonu, Chirichella e Veljkovic al centro, Bartsch e l’eterna Piccinini in attacco e Sansonna libero. In panchina scalpiteranno Plak e Stufi, elementi di spicco pronte a dare il proprio contributo.

alessia gennari pallavolo uyba
Alessia Gennari / G. Alemani-Volleybusto

Sulla sponda bustocca, capitan Gennari lancia la carica, desiderosa di potersi giocare la finalissima e consapevole del valore delle avversarie: «Siamo contente e orgogliose perché le Finali di Coppa Italia erano il primo obiettivo stagionale e l’abbiamo centrato, superando Casalmaggiore, un avversario ostico e difficile da battere. Abbiamo un conto in sospeso con Novara per la gara persa in campionato al Palayamamay e speriamo di scaricare in campo sabato tutta la rabbia agonistica accumulata. Questo evento è suggestivo ed essere tra le prime quattro ci dà consapevolezza della nostra forza: sappiamo che avremo di fronte delle corazzate, ma in queste occasioni può succedere di tutto. La giocatrice che toglierei a Novara? Sarò banale ma dico Paola Egonu, pedina fondamentale della Igor e sicuramente di tutte le squadre in cui giocherà in futuro».

Al termine della partita tra Busto e Novara, scenderanno in campo le altre due finaliste, la Savino del Bene Scandicci e la Imoco Volley Conegliano (inizio partita ore 20:30, diretta RaiSport+ HD). La finale invece è in programma domenica 3 febbraio alle ore 18 con diretta RaiSport+ HD.

QUI CONEGLIANO

Per le pantere quella di Verona è la quarta partecipazione al prestigioso appuntamento; la formazione guidata da coach Santarelli si presenta all’appuntamento dopo una scia di otto vittorie consecutive che le hanno permesso agganciare Novara al primo posto in classifica.
Probabile formazione: Wolosz in regia, Lowe opposto, Danesi e Folie al centro, Hill e Sylla in attacco, De Gennaro libero.

QUI SCANDICCI

La formazione guidata da coach Carlo Parisi (l’allenatore che guidò Busto all’unica vittoria in Coppa Italia, nel 2012) e attualmente seconda in classifica, arriva a Verona dopo il turno di riposo in campionato che ha permesso alla squadra di concentrare tutte le proprie energie sulla partita di sabato.
Probabile formazione: Malinov al palleggio, Haak opposto, Adenizia e Stevanovic al centro, Lucia Bosetti e Vasileva in attacco e Merlo libero.

federica biganzoli martina bordignon pallavolo
Biganzoli e Bordignon

LA COPPA DI A2 PARLA VARESOTTO

Domenica 3, alle 14:30 tempo di finale anche per la Serie A2. In campo la LPM Bam Mondovì, della capitana Federica Biganzoli da Orago e di coach Delmati contro la Canovi Coperture di Sassuolo di coach Barbolini (curiosa l’omonimia con l’allenatore di Novara) e della varesina Martina Bordignon. Entrambe le formazioni arrivano da una sconfitta in campionato ma sono decise a riscattarsi e alzare al coppa.
Per Mondovì in campo la regista Demichelis in diagonale con Bici, al centro Rebora e Tonello, Biganzoli e Rivero in attacco, Agostino libero.
Sassuolo dovrebbe invece presentarsi con la regia di Lancellotti in diagonale con Obossa, Crisanti e Squarcini al centro, Bordignon e Joly in attacco, Zardo libero.

di
Pubblicato il 01 Febbraio 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore