Aggressione al sacrestano di Gallarate, contestata la discriminazione razziale

Nella denuncia a carico dell'aggressore, un pregiudicato italiano di 57enne. La Questura intanto interviene con un "avviso orale"

Foto del giorno febbraio 2019

La Questura di Varese, in attesa dell’iter giudiziario, ha deciso di intervenire con provvedimento amministrativo verso il 57enne responsabile dell’aggressione a Deodatus Nduwimana, il sacrestano della basilica di Gallarate.

Dopo la formale querela, il Commissariato di Gallarate ha deferito all’Autorità Giudiziaria l’aggressore, per i reati di minacce gravi e lesioni, entrambe aggravate dalle finalità di discriminazione razziale.

Se ne occuperà il giudice, ma intanto la Questura ha deciso appunto di intervenire per via amministrativa. “Data la gravità dei provvedimenti e dei fatti”, il Questore Vicario Leopoldo Testa ha emesso un Avviso Orale nei confronti del responsabile del grave gesto. Misura che può precedere ulteriori misure amministrative (come l’allontanamento dalla città).

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 21 Agosto 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore