Tra gli animali della “Cracking Art”

Dopo Shangai, Seoul, Cleveland e Milano, le coloratissime sculture della collezione sono state installate nel borgo di Ascona, in Canton Ticino

Cracking art ascona

C’è tempo fino al 7 settembre per passeggiare tra le opere della coloratissima mostra a cielo aperto “Cracking Art” ad Ascona.

Dalla scorsa primavera, dopo Shangai, Seoul, Cleveland e Milano, le sculture della collezione hanno fatto tappa sulle rive elvetiche del Lago Maggiore. Elefanti, chioccioline, pinguini e rane decorano il borgo e il lungolago della cittadina.

Cracking Art è un movimento nato nel 1993 noto in tutto il mondo per le sue installazioni artistiche urbane raffiguranti animali di plastica rigenerata e rigenerabile dai mille colori.

Grazie al progetto l’Arte che Rigenera l’Arte, sculture appositamente realizzate per l’occasione saranno disponibili alla vendita, e i ricavati saranno destinati al restauro delle cappelle e degli affreschi di Ascona.

Maggiori informazioni: www.museoascona.ch e www.crackingart.com.

di
Pubblicato il 20 Agosto 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore