Nuovo asfalto in via San Giulio. E per piazza don Spina si lavora per il centro prelievi

L'opposizione ha aperto la discussione sul degrado nella piazza che ospitava la farmacia comunale. Cosa si intende fare? L'abbiamo chiesto al sindaco

Cassano Magnago generica

«Non è opportuno abbinare la scelta sulla farmacia con il degrado che si vede in piazza». Dopo la denuncia del Pd sullo stato di progressivo degrado di piazza don Spina, il sindaco di Cassano Magnago Nicola Poliseno riconosce il problema esistente, ma frena sull’analisi che collega l’abbandono di oggi con l’addio della farmacia comunale 1, che risale al giugno scorso.

«Il periodo estivo è sempre un po’ delicato per qualche atteggiamento di ragazzi adolescenti che fanno danni» dice Poliseno. «Spesso richiamiamo i genitori: qualche giorno fa alcuni ragazzi si sono arrampicati sulla statua del papa in piazza, tra l’altro con un comportamento anche pericoloso per sé. Sono stati individuati e sono stati richiamati».

L’insegna, stando a segnalazioni dei residenti, «è stata rotta da alcune pallonate», dice Poliseno, mentre i pannelli «sono stati imbrattati con vernice» (poteva sembrare una cancellazione dell’insegna dopo l’addio della farmacia, ma anche quello sarebbe un atto vandalico). «La CMS aveva dato disposizione di coprirli, ma non si è fatto in tempo a farlo prima dello stop di agosto». Insomma: vandalismi e qualche danno “collaterale”, risalenti già a inizio estate.

Ma cosa farà l’amministrazione comunale per intervenire sull’area? Un elemento era già emerso: l’intenzione di riutilizzare lo spazio della farmacia per insediare un centro prelievi. A che punto siamo? È ipotesi reale?  «Gli spazi di proprietà comunale sono due: il centro prelievi andrebbe a occuparne uno: è in fase di richiesta permessi». Che tempi si possono ipotizzare? «Mi auguro entro fino anno. Per quanto riguarda l’altro locale comunale vedremo: sarebbe positivo trovare altra attività di ambito sanitario o che comunque generi un po’ di passaggio».

Per il resto il sindaco sottolinea che «è evidente che su via San Giulio è necessario un lavoro di squadra». «Abbiamo fatto ad aprile un primo incontro con i commercianti per vedere come ritoccare la gestione dei parcheggi in zona, abbiamo raccolto successive osservazioni, poi ho avuto ancora contatti ad agosto con alcuni di loro».

Certo, poi c’è la funzione propria del Comune, come quella di manutenzione strade: «Rifaremo l’asfalto sulla via San Giulio, dalla zona pavimentata fino a semaforo all’incrocio con via Moro. Un intervento da 90mila euro: un segnale, l’ obbiettivo partire quanto prima. Sarà un lavoro che richiede un po’ di settimane, procedendo a lotti per ridurre disagi».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 06 Settembre 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore