Busto Arsizio non dimentica le vittime delle foibe

Tante iniziative in programma lunedì 10 febbraio per ricordare il dramma delle foibe e le migliaia di famiglie istriane che hanno dovuto abbandonare le loro terre. Busto ne ospitò alcune

giorno del ricordo busto arsizio 2017

Anche quest’anno, dopo la commemorazione della deportazione degli operai della Comerio e la Giornata della Memoria dedicata alle vittime della Shoah, l’Amministrazione Comunale celebra il Giorno del Ricordo che ricorre il 10 febbraio e organizza, insieme alla parrocchia SS. Pietro e Paolo di Borsano, a Comunità Giovanile e alle scuole superiori riunite nel tavolo “la storia ci appartiene”, alcuni momenti di riflessione per mantenere viva la memoria della tragedia degli italiani e di tutte le vittime delle foibe, nonché dell’esodo dalle loro terre di oltre 250.000 italiani dell’Istria, di Fiume e della Dalmazia.

Le celebrazioni si terranno lunedì 10 febbraio a partire dalle ore 8.30 con il “Cammino tricolore: il percorso del ricordo” a cura di Comunità Giovanile che, in modo semplice e non retorico, vuole ricordare il dramma delle Foibe attraverso una camminata che partirà dal Municipio e arriverà al monumento ai Martiri delle Foibe di Borsano. Il percorso sarà indicato da una serie di piccoli cartelli, dei “memo tricolori” che recano i nomi di 50 città e comuni dell’Istria, 50 città e comuni della Dalmazia e 50 Foibe.

Alle 9.30 è in programma la santa messa nella chiesa SS. Apostoli Pietro e Paolo di Borsano, quartiere che a suo tempo accolse gli sfollati. Seguirà il corteo fino alla statua di san Biagio che si trova nella piazzetta intitolata a don Emerico Ceci, sacerdote, educatore, storico di origini istriane che si prodigò per gli sfollati a Borsano.

Alle 11.20 nell’aula magna del Liceo Artistico Paolo Candiani – Liceo Musicale Coreutico Pina Baush è previsto un incontro con i testimoni Bruno Paoli e Olivio Pernich con la partecipazione di Valerio Del Mastro e la proiezione del documentario “Italiani due volte” di Luca Casartelli e Gabriele Marelli, prodotto dall’Amministrazione comunale e realizzato dall’Istituto Cinematografico Michelangelo Antonioni in collaborazione con il Gruppo ricerche storiche di Borsano. L’incontro è organizzato dal tavolo delle scuole superiori ed è rivolto agli studenti.
Ci sarà inoltre la presentazione della mostra “L’architettura al servizio della città: le esperienze di accoglienza, il passato e il presente di Borsano” curata dagli studenti della classe 5^ A1.

Per l’occasione la Biblioteca Comunale esporrà, nei giorni 10, 11, 12 febbraio, alcuni volumi tratti dalla bibliografia sul Giorno del Ricordo.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 07 Febbraio 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore