Dallo streaming a Skype, anche la scuola di cinema “trasloca” online

L'attività dell'Istituto Cinematografico Antonioni continua grazie all'utilizzo di straaming e video-chat: "Non interrompiamo il percorso formativo degli iscritti e stimoliamo gli studenti a sviluppare la propria creatività"

cinema all'aperto busto arsizio

Seppure forzatamente a porte chiuse, non si ferma l’attività didattica e organizzativa all’Istituto Cinematografico Michelangelo Antonioni di Busto Arsizio. In attesa di poter riprendere regolarmente la frequenza nelle aule e nei laboratori di Villa Calcaterra, prosegue l’impegno educativo dell’accademia, in modo da non interrompere il percorso formativo degli iscritti e stimolare gli studenti a sviluppare la propria creatività e affinare il proprio giudizio critico.

I docenti tengono lezioni on line utilizzando diverse piattaforme interattive e assegnano compiti ed esercitazioni da svolgere autonomamente: la visione di film e documentari, con successiva analisi di alcune sequenze da vari punti di vista (regia, direzione dell’attore, fotografia), l’approfondimento su autori e registi, la lettura di sceneggiature e saggi che “ogni studente di cinema dovrebbe conoscere”. Ai futuri registi è stato chiesto di eseguire una serie di esercizi di scrittura, con correzione online, e di realizzare cortometraggi – all’interno delle loro abitazioni – da inviare ai docenti, che li commenteranno singolarmente via Skype. Gli studenti che seguono l’indirizzo di recitazione, oltre a prove di lettura, canto e respirazione, dovranno invece, tra gli altri compiti, inventare un personaggio, creare il suo “ritratto”, dall’abbigliamento alle attitudini al comportamento, e metterlo in scena in un breve video.

Per gli studenti del terzo anno, che si diplomeranno quest’anno in regia, è previsto infine un tutoraggio a distanza con i docenti –tramite video chiamate con i singoli allievi- per le fasi di scrittura e realizzazione degli storyboard, in preparazione ai cortometraggio di tesi. I colleghi attori dovranno invece studiare un testo teatrale, redigere una scheda e girare un breve video commento sull’opera.

«L’Istituto cinematografico Michelangelo Antonioni si conferma tra i fiori all’occhiello dell’eccellente offerta formativa cittadina, nel caso specifico rivolta a coloro che aspirano a svolgere una professione nel mondo del cinema – commenta la vice sindaco e assessore alla Cultura Manuela Maffioli -. La  qualificata preparazione che gli studenti, bustocchi e non, ricevono nel triennio fa sì che oltre il 90 per cento di loro trovi impiego subito dopo il diploma. Un’offerta che supporta e valorizza il ‘sistema cinema’, grazie al quale Busto è ormai nota sui principali palcoscenici del Paese, da Venezia a Roma, e che ogni anno porta una parte significativa del cinema anche internazionale in città».

È di queste ore la notizia che l’Istituto Antonioni ha anche deciso di aderire all’iniziativa “Solidarietà digitale”, promossa dal Ministero per l’Innovazione tecnologica e la Digitalizzazione, una vetrina di servizi gratuiti rivolti ai cittadini, offrendosi di mettere a disposizione, sulla piattaforma nazionale, alcune sue produzioni, come documentari e cortometraggi dei diplomati.

Non manca infine uno sguardo al futuro e all’anno accademico 2020-2021. Sono già aperte le preiscrizioni per coloro che vogliono intraprendere un corso di studi che offra sbocchi professionali in ambito cinematografico e televisivo: circa 200 gli studenti diplomati in totale dall’apertura dell’accademia, oggi professionisti sul mercato dell’audiovisivo. Ė possibile presentare la richiesta di ammissione accedendo al sito dell’Istituto e compilando il modulo a questo link. Per iscriversi è necessario essere in possesso di un diploma di scuola secondaria superiore; gli studenti che sosterranno l’esame di maturità nell’estate 2020 possono comunque iniziare a inviare la scheda. Dato che l’Istituto è a numero chiuso – i posti disponibili sono 25 – i candidati verranno successivamente contattati per fissare il colloquio di selezione. Questi incontri sono conoscitivi e attitudinali, servono a valutare la reale motivazione di ogni potenziale studente.

Il percorso di studi ha una durata triennale; il primo anno fornisce basi comuni, il secondo e il terzo sono impostati sulla base dell’indirizzo formativo scelto: regia/filmmaking o recitazione. In entrambi i casi la preparazione è completata da laboratori, esercitazioni e Masterclass. Per informazioni è possibile mandare una email all’indirizzo segreteria@istitutoantonioni.it

«L’Amministrazione sostiene anche quest’anno questo sforzo didattico e culturale con un contributo (che sarà liquidato a fine anno, sulla base di un rendiconto dettagliato delle spese sostenute, ndr) – conclude l’assessore – considerato un investimento non solo nel sapere e nel futuro dei nostri ragazzi, ma anche, loro tramite, nella promozione della città, in Italia e all’estero».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 19 Marzo 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore