“Lavoriamo tutti insieme, per salvaguardare gli aeroporti”

Parla l'Ad degli aeroporti milanesi, di fronte a una crisi mai vista prima: aeroporto semivuoto, voli al lumicino, la necessità di unire continuità del servizio e tutela della salute

Generico 2018

«La mattina mi sveglio pieno di energie e provo con i colleghi a “prendere di petto” (mantenendo le distanze di sicurezza) questa dannata epidemia e le sue conseguenze, ma devo confessare che la sera, a casa, dopo aver ascoltato l’ennesimo infausto bollettino sanitario, ho un momento di cedimento». A parlare è Armando Brunini, ad degli aeroporti di Milano, Linate e Malpensa.

Il traffico aereo è letteralmente precipitato, i movimenti sono al minimo, le stesse compagnie aeree sono molto preoccupate per il futuro. «La portata dell’evento disorienta. Ma ancor di più non avere elementi per capire che società, economia e industria del trasporto aereo troveremo quando ne usciremo».

«In ogni caso non possiamo permetterci tentennamenti e quindi procediamo». Come in altri settori, non mancano anche preoccupazioni sul modo per coniugare continuità del lavoro e sicurezza per la salute. «Gli obiettivi sono chiari: garantire condizioni di massima sicurezza ai dipendenti e ai passeggeri rimasti, mitigare l’impatto economico e difendere la cassa per uscire dalla crisi più integri possibile, pronti per la ripartenza. Per fare questo è stato necessario chiudere temporaneamente Linate e il Terminal 1 di Malpensa».

Brunini ricorda che questa ultima operazione è stata «prontamente avallata dalle Autorità», vale a dire da Enac e dal Ministero dei Trasporti. «Così limitiamo i rischi di contagio e conteniamo i costi pur garantendo i servizi essenziali. Infine, abbiamo equamente distribuito i sacrifici tra tutti: azionisti, management, dipendenti, partner e fornitori, perché viaggiare compatti (ma distanziati fisicamente) sarà la chiave per salvaguardare il futuro di uno dei principali asset infrastrutturali del Paese.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 20 Marzo 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore