Schiacciate e difesa, Michieletto è della Futura Volley

La 22enne trentina ha già cinque stagioni di A2 alle spalle. Specialista del beach volley è considerata un'atleta di grande solidità in entrambe le fasi del gioco

francesca michieletto pallavolo

La costruzione della nuova Futura Volley Giovani che per il secondo anno consecutivo disputerà la Serie A2 femminile prosegue: al team allenato da Matteo Lucchini si aggiunge oggi la 22enne Francesca Michieletto, schiacciatrice nata a Trento e prelevata dal Cus Torino, altra formazione che milita nel secondo torneo nazionale.

Alta 1,83, specialista anche del beach volley, Michieletto vanta già una solida esperienza in A2 nonostante la giovane età: dopo aver disputato i campionati giovanili nel Bresciano infatti, la neo-biancorossa è tornata in Trentino per disputare la B2 con il VolLei argentario e quindi sbarcare a 18 anni nella serie cadetta con la maglia della Delta informatica. Con la formazione della propria città di origine Francesca ha disputato tre stagioni mettendosi progressivamente sempre più in mostra, contribuendo ad altrettante qualificazioni ai playoff per la promozione. Passata nell’estate 2018 alla Ipag Montecchio, Michieletto ha contribuito alla salvezza della formazione vicentina, poi lasciata per il Cus Torino di coach Chiappafreddo.

Anche lo scorso anno quindi, Michieletto si è messa in luce contribuendo alla qualificazione delle piemontesi alla pool promozione, poi stoppata dall’emergenza sanitaria. Proprio nel primo match stagionale la schiacciatrice regalò uno show ai suoi nuovi tifosi: fu infatti la MVP del match che la Futura perdette in casa contro il Cus Torino anche per mano della 22enne banda trentina, autrice di 17 punti. In totale il nuovo acquisto delle “Cocche” ha messo a segno 239 punti in 21 gare dimostrando però anche solidità in fase difensiva: 61,7% di ricezione positiva. A proposito del già citato beach volley, Michieletto vanta già una medaglia d’oro in una tappa del World Tour insieme a Carolina Ferraris, ottenuta a Sansum in Turchia, oltre a un bronzo vinto agli assoluti 2019 con Michela Lantignotti.

«Tra le squadre che abbiamo affrontato lo scorso anno – spiega Michieletto al momento della firma con la Futura – Busto era quella che come gioco si avvicinava di più a Torino: poche individualità, pochi errori e tantissimo muro-difesa, uno stile da grandi lavoratrici. Sia Futura che Cus, poi, giocavano divertendosi: per questo entrambe le squadre si sono tolte grandi soddisfazioni durante la stagione».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 04 Giugno 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore