Intesa-Ubi, firmato accordo per l’integrazione: 5000 esuberi volontari e 2500 assunzioni

Le uscite saranno scaglionate dal 2021 e il 2026, mentre le assunzioni saranno effettuate entro il 2023. Fabi: "È il primo passo del gruppo Intesa per l’integrazione dei 20.000 dipendenti Ubi"

Generico 2018

È stato firmato dopo la mezzanotte di ieri a Milano, il protocollo per l’avvio dell’integrazione del gruppo Ubi nel gruppo Intesa tra la Fabi e le altre organizzazioni sindacali con il gruppo Intesa Sanpaolo. L’accordo prevede 5.000 uscite volontarie e 2.500 assunzioni.
Le uscite saranno scaglionate dal 2021 e il 2026, mentre le assunzioni saranno effettuate entro il 2023. Le assunzioni, nel dettaglio, saranno realizzate entro il 31 dicembre 2023 con attenzione al supporto alla rete chiesta dal sindacato e alle zone svantaggiate del Paese, alla stabilizzazione dei tempi determinati in servizio alla data di firma dell’accordo e ai lavoratori collocati nella sezione emergenziale del Fondo di solidarietà di settore. Per quanto riguarda le uscite, che saranno gestite con pensionamenti e prepensionamenti solo su base volontaria, è prevista una dettagliata tabella di marcia che tiene conto della maturazione dei requisiti pensionistici in relazione al quale andrà presentata la domanda entro precisi termini.

L’accordo consente anche l’utilizzo delle norme relative a “Opzione donna” e “Quota 100” (i particolari sul sito www.fabi.it).

«Siamo soddisfatti, abbiamo creato le migliori condizioni per gestire l’integrazione del gruppo Ubi in Intesa – ha commentato il segretario nazionale Fabi e coordinatore del gruppo Intesa, Giuseppe Milazzo -. Non ci sono ricadute sociali ne sulle condizioni di lavoro di alcun genere ma abbiamo gettato le basi per lo sviluppo professionale ed economico del lavoratori di tutto il nuovo gruppo. Infine, abbiamo prestato la massima attenzione verso i lavoratori Ubi che saranno ceduti a Bper, anche loro, se lo vorranno, potranno accedere al piano delle uscite. Nell’ambito delle assunzioni abbiamo impegnato la banca a valorizzare la rete, oggi particolarmente sotto pressione, e verso le zone svantaggiate del Paese nonché verso il colleghi del settore che hanno perso il posto di lavoro ed ora si trovano nel Fondo emergenziale».

«Questo accordo è il primo importante passo del nuovo gruppo Intesa per l’integrazione dei 20.000 dipendenti Ubi – conclude il coordinatore Fabi del gruppo Ubi, Paolo Citterio -. Una fase di integrazione che vedrà altri due momenti fondamentali, il passaggio di un ramo d’azienda a Bper e l’integrazione nel gruppo Ubi, due momenti da seguire con la massima attenzione per assicurare la tutela e la migliore valorizzazione delle risorse. Con questo accordo si concede a tutti i dipendenti di Intesa e Ubi di accedere alle uscite volontarie anche per quelli che verrano ceduti a Bper».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 30 Settembre 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore