La prima tappa sulla Via Francisca del sindaco-pellegrino

Per Luciano Puggioni, sindaco di Bardello, e il signor Roberto, suo compagno di viaggio, si è conclusa la prima giornata di cammino lungo la Via Francisca del Lucomagno

Diario di viaggio: la Via Francisca raccontata da Luciano Puggioni

Luciano Puggioni e Roberto, suo compagno di viaggio, iniziano il loro percorso lungo la Via Francisca del Lucomagno con una bellissima giornata di sole.

La partenza è dalla dogana di Lavena Ponte Tresa.

Diario di viaggio: la Via Francisca raccontata da Luciano Puggioni

La città di Lavena Ponte Tresa

Da lì, dopo aver costeggiato il lago fino al centro del paese, i due “pellegrini” si incamminano sulla vecchia ferrovia della Valganna, spesso citata anche come tranvia, per arrivare successivamente al parco dell’Argentera, un’interessante area verde piena di mulini, piccoli corsi d’acqua e alberi maestosi.

Diario di viaggio: la Via Francisca raccontata da Luciano Puggioni

Diario di viaggio: la Via Francisca raccontata da Luciano Puggioni

Passaggio dal parco dell’Argentera, con Roberto in posa

Arrivo a Marchirolo, dove i due incontrano Stefano Rametta, assessore alla cultura.

“Con molto garbo e disponibilità, Stefano ci ha accompagnato per le vie del borgo, mostrandocene le caratteristiche: dai murales alla chiesa di San Martino che dall’alto domina il paese”, racconta Puggioni.

Diario di viaggio: la Via Francisca raccontata da Luciano Puggioni

Il paese dipinto di Marchirolo

Diario di viaggio: la Via Francisca raccontata da Luciano Puggioni

La chiesa di San Martino

Dopo una breve sosta al Maglio di Ghirla, tra i più antichi e meglio conservati di tutta la provincia, l’arrivo a Ganna, meta finale della prima tappa, con visita alla Badia di San Gemolo.

Diario di viaggio: la Via Francisca raccontata da Luciano Puggioni

Il Maglio di Ghirla

Diario di viaggio: la Via Francisca raccontata da Luciano Puggioni

La Badia di San Gemolo

INFORMAZIONI SUL PERCORSO

La seconda tappa porterà i due compagni di viaggio a Varese, in uno dei luoghi più incantevoli della provincia: il Sacro Monte.

di
Pubblicato il 19 Settembre 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore