Pareggio d’oro a Carrara per la Pro Patria

Tigrotti autori di una grande gara, soprattutto per aver resistito praticamente tutto il secondo tempo in dieci uomini vista l’espulsione di Parker ad inizio ripresa

Pro Patria 2020-2021

La prima partita del campionato finisce 0-0 tra Carrarese e Pro Patria, con i tigrotti autori di una grande gara, soprattutto per aver resistito praticamente tutto il secondo tempo in dieci uomini vista l’espulsione di Parker ad inizio ripresa.

Tra le note più convincenti ci sono Spizzichino, che non avrebbe dovuto giocare salvo poi essere della partita dopo l’infortunio di Brignoli nel riscaldamento, e Latte Lath, che da solo si carica sulle spalle la fase offensiva bustocca e per poco non trova il gol vittoria.

Da sottolineare anche la gara dei tre dietro, con menzione particolare per Lombardoni che riesce a tenere a bada Infantino. La Pro torna a casa con un punto meritato ma che forse, alla luce delle due occasioni di Latte Lath, sta un po’ stretto: adesso testa al Vicenza, prossimo avversario dei tigrotti mercoledì 30 settembre.

Primo tempo in linea con le aspettative della vigilia, con la Carrarese che però solo in chiusura riesce ad essere veramente pericolosa. La prima occasione è sui piedi di Le Noci, dopo appena quaranta secondi: il suo tiro al limite dopo una spizzata di testa di Parker termina sul fondo. La Pro nel primo quarto d’ora ha diverse occasioni da calcio piazzato, soprattutto grazie a Parker che conquista un paio di punizioni sulla trequarti. Gli schemi provati però non riescono ad avviluppare la difesa toscana che si fa trovare sempre attenta. Al 9’ per esempio Mazzini esce un po’ male dalla sua area piccola, e solo subendo fallo riesce a neutralizzare il pericolo. Al 16’ Schirò ci prova con una punizione dal lato destro dell’area di rigore, che per poco non sorprende Greco. Si gioca tanto a centrocampo e i padroni di casa mostrano uno strapotere fisico invidiabile che lascia senza troppe opzioni i tigrotti, costretti a rincorrere e ripiegare in difesa. Nonostante tutto comunque le occasioni non arrivano: al 31’ Schirò ha un’altra opportunità su calcio piazzato ma anche questa volta la palla finisce alta. Al 42’ si assiste alla prima vera occasione del match, con il cross perfetto di Pasciuti che Infantino converte in un colpo di testa indirizzato all’angolino. Greco vola e salva in corner. Sullo stesso la Carrarese si prodiga in un bellissimo schema che porta alla rete, annullata per fuorigioco, di Infantino.

La ripresa inizia e dopo 5 minuti la Pro si ritrova in dieci: azione confusa della Carrarese che
termina con un fallo, non particolarmente brutto, di Parker al limite dell’area. È quindi doppio giallo ed espulsione. Sulla punizione poi va Pavone ma il suo tiro centra la barriera. Javorcic mette dentro Latte Lath e passa al 4-4-1, e subito l’ex della gara serve bene Spizzichino, che da posizione defilata calcia potente trovando la parte alta della traversa. Un minuto dopo, al 10’, risponde Schirò con un rasoterra insidioso che Greco respinge. La velocità di Latte Lath è già un fattore importante in questa Pro Patria: sui suoi strappi si appoggiano le ripartenze bustocche, come quando l’ivoriano serve Molinari il cui cross è però deviato in angolo. Al 15’ riceve un lancio dalla difesa, lo controlla, supera due avversari e calcia, purtroppo fuori. Poco dopo la Carrarese ha un’occasione con il tiro al volo di Infantino che finisce alto. La squadra di casa è stabilmente nella sua metà campo offensiva, ma non riesce quasi mai a rendersi pericolosa vista la chiusura a riccio della difesa tigrotta, che resta salda nell’assedio. Al 28’ ancora Latte Lath serve Colombo il cui tiro è murato dalla difesa. I toscani cercano molto Infantino il mezzo all’area, che spesso colpisce senza però risultare pericoloso o utile ai propri compagni di squadra. Al 40’ un rilancio dalla difesa viene prolungato da Colombo per arrivare, rimbalzando, nella disponibilità di Latte Lath che prova il colpo grosso con un pallonetto che però termina fuori di pochissimo. Passa un minuto e sempre Latte Lath è protagonista di un’occasione simile, quando controlla tra due uomini il lancio di Bertoni, si invola in area ma ancora non riesce a trovare lo specchio con un cucchiaio.

I COMMENTI

«Bisogna solo fare i complimenti ai ragazzi ed essere orgogliosi di quello che abbiamo fatto». Così esordisce il mister della Pro Patria Ivan Javorcic dopo il pareggio 0-0 contro ben più quotata Carrarese: «Siamo venuti a giocare in un campo difficile e i giocatori l’hanno fatto con grande personalità, mettendoci tanto equilibrio, lucidità e freddezza. Questo è merito della struttura solida che stiamo costruendo. Siamo anche stati pericolosi, che in queste partite con l’inferiorità numerica non è cosa da poco. Posso solo essere orgoglioso». Dopo l’espulsione in effetti si è dimostrata grande solidità: «Oggi era un test duro, la Carrarese è una squadra di qualità che conosce profondamente la categoria. Aver retto con tanti giovani in campo questo tipo di confronto per noi è tanta roba, abbiamo superato le difficoltà e ne usciamo fortificati». Parole anche a riguardo dell’infortunio di Brignoli, che non ha potuto scendere in campo per una probabile distorsione alla caviglia destra rimediata durante il riscaldamento: «Mi dispiace per lui perché stava guadagnando un grande condizione e perché è un ragazzo che ha avuto davvero molta sfortuna negli ultimi anni. Spizzichino si è fatto trovare subito pronto e anche questo è un segnale di quanto il gruppo sia maturo. Venire qui dopo Livorno e uscire con questo risultato è motivo d’orgoglio. Per quanto riguarda Latte Lath, deve concentrarsi sul lavoro: ha avuto un ottimo impatto con l’ambiente e sta imparando quello che deve fare. Sono contento ha avuto un peso specifico enorme nell’economia del nostro gioco. Gli faccio i complimenti come a tutta la squadra».

«E’ stata una bella partita – dice Lombardoni – c’è anche un po’ di rammarico, ma tutto sommato vendendo che squadra sono loro e la nostra inferiorità numerica credo sia un risultato giusto. L’abbiamo preparata bene, dopo l’espulsione ci siamo messi a quattro e abbiamo retto, ringraziando anche il centrocampo che ci ha dato una mano fondamentale. I nuovi si sono inseriti subito bene, andiamo avanti con il lavoro per crescere perché secondo me possiamo migliorare ancora tanto. Siamo un gruppo folto, chiunque gioca può fare bene e nell’ottica delle prossime partite credo che siamo pronti per dare il massimo».

LE PAGELLE

Greco 6,5: Grande parata sul colpo di testa di Infantino, in generale sicuro
Boffelli 6,5: Non si passa dalla sua parte
Lombardoni 7: Giganteggia in area di rigore, sempre lucido nelle scelte
Molinari 6: Buona prova con qualche sbavatura che comunque vista l’età ci sta
Cottarelli 6: Si spende soprattutto in fase difensiva
(24’ s.t. Pizzul 6: non è ancora al top della condizione ma fa il suo)
Galli 6: Partita ordinata in una posizione inedita
Bertoni 6: Soffre un po’ all’inizio ma con il passare dei minuti trova equilibrio
Spizzichino 6,5: Non doveva nemmeno giocare ma fa una grande partita di gambe e attenzione
(24’ s.t. Fietta 6: tiene sveglio comparto difensivo e ci mette esperienza)
Colombo 6: Altra prova niente male di questo 37enne che si è dimenticato di invecchiare
Parker 5,5: Prova a tenere alta la squadra nel primo tempo, peccato per il fallo da espulsione, non cattivo ma sicuramente neanche intelligente
Le Noci 6: svaria su tutto il fronte d’attacco e come al solito sembra poter far male
(8’ s.t. Latte Lath 6,5: Se solo avesse calibrato meglio i pallonetti…)

TABELLINO

CARRARESE CALCIO 1908 – AURORA PRO PATRIA 1919 0 – 0 (0 – 0)

CARRARESE CALCIO 1908 (4-2-3-1): 22 Mazzini; 27 Grassini (14′ s.t. 8 Luci), 21 Rota, 5 Murolo, 13 Ermacora; 4 Agyei, 19 Pasciuti; 14 Pavone, 24 Schirò (43′ s.t. 6 Borri), 11 Calderini; 20 Infantino.
A disposizione: 1 Pulidori, 15 Dell’Amico, 16 Fortunati, 25 Smecca, 26 Bigini. All. Baldini.

AURORA PRO PATRIA 1919 (3-5-2): 1 Greco; 5 Molinari, 19 Lombardoni, 13 Boffelli; 17 Spizzichino (27′ s.t. 16 Fietta), 21 Colombo, 14 Bertoni, 3 Galli, 7 Cottarelli (27′ s.t. 15 Pizzul); 10 Le Noci (9′ s.t. 24 Latte Lath), 9 Parker.
A disposizione: 12 Mangano, 2 Compagnoni, 4 Saporetti, 6 Gatti, 8 Brignoli, 11 Kolaj, 23 Ghioldi, 25 Ferri. All. Javorcic.

ARBITRO: Andrea Bordin di Bassano del Grappa (Andrea Zezza della Sezione di Ostia Lido e Emanuele Spagnolo della Sezione di Reggio Emilia. Quarto Ufficiale Carlo Rinaldi della Sezione di Bassano del Grappa).

Angoli: 3 – 3.
Ammoniti: Colombo, Parker (PPA); Agyei, Schirò, Rota, Murolo, Pavone, Luci (CAR).
Espulsi: al 7′ s.t. Parker (PPA) per doppia ammonizione.
Recupero: 2′ p.t. – 4′ s.t.
Note: Giornata mite e nuvolosa. Terreno di gioco (sintetico) in discrete condizioni. Gara disputata a porte chiuse.

di
Pubblicato il 27 Settembre 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore