Dal 26 ottobre via alle prenotazioni per il vaccino nella zona di Gallarate, Busto e Saronno

Le indicazioni per il territorio della Asst Valle Olona: si parte dalle categorie fragili, negli ospedali e nei centri vaccinali come ad esempio Cassano Magnago

vaccino meningite

A partire dal 26 ottobre sarà possibile effettuare le prenotazioni per la campagna di vaccinazione antinfluenzale promossa da Asst Valle Olona.

In questa prima fase le prenotazioni interesseranno solo le cosiddette categorie fragili, ossia persone ad alto rischio di complicanze o ricoveri correlati all’influenza (e per le quali la vaccinazione è gratuita).

Nello specifico si parla di donne che all’inizio della stagione epidemica si trovano in gravidanza e nel periodo “postpartum“; soggetti dai 6 mesi ai 64 anni di età affetti da patologie che aumentano il rischio di complicanze da influenza come malattie croniche a carico dell’apparato respiratorio (inclusa l’asma grave, la displasia broncopolmonare, la fibrosi cistica e la broncopatia cronico ostruttiva-BPCO); malattie dell’apparato cardio-circolatorio, comprese le cardiopatie congenite e acquisite; diabete mellito e altre malattie metaboliche (inclusi gli obesi con indice di massa corporea BMI >30); insufficienza renale/surrenale cronica;malattie degli organi emopoietici ed emoglobinopatie; tumori e in corso di trattamento chemioterapico; malattie congenite o acquisite che comportino carente produzione di anticorpi, immunosoppressione indotta da farmaci o da HIV; malattie infiammatorie croniche e sindromi da malassorbimento intestinali; patologie per le quali sono programmati importanti interventi chirurgici; patologie associate a un aumentato rischio di aspirazione delle secrezioni respiratorie (ad es. malattie neuromuscolari); epatopatie croniche; bambini e adolescenti in trattamento a lungo termine con acido acetilsalicilico, a rischio di Sindrome di Reye in caso di infezione influenzale.

La ASST Valle Olona partirà dal 3 novembre a somministrare gratuitamente la vaccinazione antinfluenzale (e, in associazione, se indicata, la vaccinazione antipneumococcica), secondo la scala di priorità indicata da Regione Lombardia:
donne in gravidanza
pazienti fragili
a seguire, le altre categorie previste dal Ministero della Salute.
Le vaccinazioni saranno erogate nei Centri Vaccinali Territoriali (Busto Arsizio, Gallarate, Saronno, Somma Lombardo e Cassano Magnago, su appuntamento) e all’interno dei 4 presidi ospedalieri (Busto Arsizio, Gallarate, Saronno, Somma Lombardo presso gli ambulatori specialistici e per i pazienti fragili in fase di dimissione) dove verranno attivati ambulatori vaccinali dedicati, nel pieno rispetto delle misure di contenimento del contagio legate all’attuale pandemia.

Non necessitano di prenotazione e saranno eseguite da Asst, le vaccinazioni dei pazienti ricoverati nei propri reparti ospedalieri e/o in day hospital.

Le donne in gravidanza potranno ricevere l’offerta vaccinale in occasione delle visite programmata negli ambulatori di Ostetricia e Ginecologia degli ospedali di Busto Arsizio, Gallarate e Saronno.

In alternativa, potranno rivolgersi ai Centri Vaccinali Territoriali.

Le puerpere riceveranno l’offerta vaccinale al momento della dimissione dal Punto Nascita.

I pazienti fragili che rientrano nelle categorie indicate nella Circolare Ministeriale potranno ricevere la vaccinazione in reparto, se ricoverati, prima delle dimissioni, oppure in occasione delle visite programmate negli ambulatori aziendali nel periodo di campagna vaccinale.

Anche loro possono rivolgersi ai Centri Vaccinali Territoriali.

Per i bambini ‘fragili’, invece, sono previste delle giornate dedicate con accesso tramite appuntamento per somministrare loro la vaccinazione.

Gli operatori dell’azienda sanitaria riceveranno l’offerta attiva e gratuita nei reparti in cui prestano servizio o in ambulatori dedicati, attivati in tutti gli Ospedali dell’ASST e presso le sedi vaccinali territoriali a partire dalla metà di novembre.

Dal 23 novembre sarà possibile effettuare le prenotazioni anche alle altre categorie:

Donatori di sangue;
Soggetti addetti a servizi pubblici di primario interesse collettivo (forze di polizia, vigili del fuoco..);
Pediatri di Famiglia, Medici di Continuità Assistenziale e operatori sanitari di ATS afferenti al territorio di ASST Valle Olona;
Personale a contatto con animali (allevatori, addetti all’attività di allevamento, addetti al trasporto di animali vivi, macellatori e vaccinatori, veterinari).
Nel contempo Asst si occuperà della distribuzione dei vaccini a:

RSA/RSD e strutture protette psichiatriche/NPI private a contratto;
Strutture sanitarie di ricovero private accreditate.
In seguito al completamento dell’offerta alle categorie descritte sarà possibile fornire la vaccinazione anche ai soggetti che ne facciano richiesta con partecipazione alla spesa.

Per tutte queste categorie potranno seguire nei prossimi giorni specifiche comunicazioni su altre modalità di prenotazione.

Qui altre info sul sito di Ats Insubria.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 26 Ottobre 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore