Il progetto di Miliani sostenuto dal Maga è stato selezionato per Cantica21

L’opera, che entrerà nella collezione permanente del Museo, farà parte della grande mostra diffusa promossa dal Ministero della Cultura e dal Ministero degli affari esteri e della cooperazione internazionale

Arte - Mostre

Dopo il progetto I don’t dance alone Jacopo Miliani firma un’altra collaborazione con il Museo Maga con il progetto “OHH! Stupore” selezionato per Cantica21, la grande mostra diffusa promossa dal Ministero della Cultura e dal Ministero degli affari esteri e della cooperazione internazionale.

L’opera di Jacopo Miliani, che entrerà in permanenza nelle collezioni del Museo, si articola in una un’installazione e una performance basata sull’emozione effimera dello stupore che deriva dall’esperienza sia del guardare che del fare.

L’opera si compone di un arazzo il cui disegno compone la scritta “O-H-H-!”, di una serie di oggetti di forme geometriche (cubo, piramide, sfera, cilindro) realizzati in materiali differenti che saranno attivati durante una performance. Durante l’azione, un performer sposterà le forme solide mentre produrrà con la voce il suono «O-H-H!».

Il progetto si inserisce in una ricerca che Miliani porta vanti da anni attorno ai temi delle emozioni, della performance, del corpo, dell’azione e del linguaggio. Lo stupore al centro dell’opera è una metafora in grado di simboleggiare una serie di concetti collegati all’Italia e alla percezione interna ed esterna del nostro paese: basti pensare all’idea di stupore nei confronti della grandezza antica relazionata all’esperienza del Grand Tour o connaturata a movimenti artistici come il Barocco o alla poetica di scrittori come Giovanni Pascoli, che ricercava nel “fanciullino” la capacità di tornare a sorprendersi.

Lo stupore è inoltre elemento universale, così come la sua espressione: il suono «O-H-H-!» appartiene a ogni lingua e la stessa azione si adatta al luogo e al contesto in cui si manifesta.

 

 

di
Pubblicato il 27 Novembre 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore