Busto Arsizio ospita nel weekend i campionati italiani di Twirling

Majorettes da tutta Italia al PalaFerrini per una due giorni di gare che decideranno le campionesse nazionali singole e a squadre di uno sport poco conosciuto ma dai grandi valori

Sabato 12 e domenica 13 dicembre il PalaFerrini di Busto Arsizio ospiterà i campionati italiani di twirling con decine di atlete da tutta Italia che si affronteranno nelle varie specialità individuali e di squadra sotto l’egida della Federazione Italiana Twirling. A Busto Arsizio questa disciplina ha una storia importante con la Pro Patria Bustese Twirling che coinvolge molte atlete di ogni età. Le gare si svolgeranno a porte chiuse ma sarà possibile vederle in diretta streaming.

Grazia, armonia ed eleganza, ritmo, coraggio, precisione, collaborazione, motivazione, perseveranza, concentrazione, autocontrollo, visione periferica, responsabilità di squadra, capacità interpretative sono alcuni delle competenze che si sviluppano con questo tipo di sport.

Il twirling è uno sport per alcuni aspetti simile alla ginnastica ritmica e artistica, ma che tuttavia presenta alcuni elementi che lo caratterizzano in maniera fondamentale, in modo particolare l’utilizzo di un “bastone”. Il termine twirling infatti deriva dal verbo inglese “to twirl”, la cui traduzione italiana è “far ruotare”.

È una disciplina agonistica tecnico-combinatoria che esalta i fattori fisici individuali, mettendo in evidenza l’aspetto estetico del movimento. Unisce a movimenti propri della danza, ginnastica ritmica ed artistica, l’uso di un bastone che viene lanciato in aria o fatto roteare sul corpo.

Ma il twirling non è solo uno sport, è anche un’ arte. Arte perché si richiede stile e bellezza, sport perché combina intensa coordinazione nel mantenere il bastone in movimento mentre il corpo si muove con grazia, attraverso vari movimenti adattati con interpretazione musicale, alti livelli di concentrazione e sforzo fisico. Questo sport sviluppa lealtà e spirito competitivo, migliora le capacità fisiche della ginnastica e della danza, l’espressione artistica e il senso estetico del pattinaggio e del balletto, e combina la tecnica di ognuno di questi sport.

Il twirling può essere praticato indistintamente da maschi o da femmine. L’atleta che vuole avvicinarsi al mondo del twirling deve riuscire ad unire fra loro diverse capacità: preparazione tecnica (indispensabile per eseguire correttamente tutti i movimenti col bastone), doti ritmiche e artistiche, unite ad una buona preparazione fisica.

Storia del Twirling
Il twirling nasce nelle isole Samoa nell’oceano Pacifico. Sembra che alcune danzatrici usassero, nelle loro esibizioni, dei bastoni più o meno colorati. Negli USA durante gli anni ’20, si esibivano bande musicali che includevano, davanti ai musici, un mazziere che manovrava un bastone di 80 cm circa di lunghezza.

Col passare degli anni le mazze subirono variazioni diventando più leggere e maneggevoli. Dopo gli anni ’30 nacquero le prime majorette il cui scopo era puramente folcloristico. In Europa la prima Federazione costituita è stata la Francese; in Italia il twirling si costituisce come Federazione nel 1974 a Robbio Lomellina.

La Federazione Italiana sarà la promotrice con la Federazione Americana della Costituzione della WBTF (WORLD BATON TWIRLING FEDERATION – Londra Ottobre 1977). Nell’Aprile 1978 a Las Palmas – Isole Canarie – viene approvato l’Atto costitutivo e lo statuto. La Federazione Italiana ha avuto il grande merito di trasformare e guidare il movimento majorettes verso una vera attività sportiva. Dopo il primo Meeting Mondiale tenutosi a Venezia, eccezionalmente in Piazza S.Marco il 31 marzo / 1 Aprile 1979, viene organizzato a Seattle (Usa) il primo Campionato del Mondo – Agosto 1980.

Dove la sua pratica ha maggior tradizione
La patria del twirling è il nord America: nel Canada e USA dove ci sono più di due milioni di praticanti. Il Giappone è la nazione dove questo sport è meglio organizzato ed è entrato da tempo nelle scuole e nei campus. In Italia il twirling nasce nelle regioni del nord ed è proprio qui che si annovera il maggior numero di iscritti.

Come si svolge
Gli esercizi, eseguiti su base musicale, rappresentano la perfetta fusione di eleganza, spettacolarità, armonia…..
Il twirling è praticato da entrambi i sessi nei settori promozionale, amatoriale, pre-agonistico e agonistico sia a livello individuale che di squadra. Le esecuzioni degli atleti vengono valutate da giudici, i quali, attribuiscono all’esercizio un valore relativo al merito tecnico ed uno concernente l’espressione artistica.

Descrizione dell’attrezzo
Il bastone da twirling è un’asta metallica a sezione circolare di lunghezza compresa tra i 50 e i 75 cm, alle cui estremità vi sono due pomelli in gomma: uno piccolo (TIP) ed uno grande (BALL).

 

di orlando.mastrillo@varesenews.it
Pubblicato il 11 Dicembre 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore