Doppia firma varesina per la serie tv Made in Italy. I Missoni protagonisti della terza puntata

Le sorelle Laura e Luisa Cotta Ramosino hanno lavorato al soggetto e alla sceneggiatura raccontando anche la grande maison di Sumirago

Arte - Mostre

C’è la Milano anni degli anni Settanta, c’è il sogno, l’ambizione e la creatività. C’è il racconto di del terreno fertile che vide nascere il “Made in Italy” nella serie tv di Canale 5 in onda da domani, 13 gennaio per quattro serate. Creata da Camilla Nesbitt, prodotta da Taodue, racconta la nascita della grande moda italiana che da Milano portò il gusto italiano in tutto il mondo grazie all’energia di un gruppo di stilisti che cambieranno la storia della moda come Armani, Valentino, Krizia, Versace, Missoni, Albini, Fiorucci, Curiel, Ferrè.

La serie porta una doppia firma tutta varesina, quella delle sorelle Laura e Luisa Cotta Ramosino che hanno lavorato al soggetto e alla sceneggiatura insieme al regista Luca Lucini e Ago Panini in un lavoro di squadra che ha portato le telecamere anche a Sumirago per la puntata dedicata a Ottavio e Rosita Missoni interpretati da Enrico Lo Verso e Claudia Pandolfi che andrà in onda il 20 gennaio.

«Le scene sono state girate nel febbraio del 2019 – conferma Luca Missoni – negli ambienti dell’azienda come la tessitura, il taglio e la confezione oltre che nella casa che sono ancora uguali a quegli anni. La protagonista raggiunge la nostra azienda da Milano in macchina per recuperare dei vestiti e qui conosce mio padre Ottavio, che le mostra i disegni dei modelli, e mia madre Rosita. Essendo l’ora di pranzo viene invitata a sedersi a tavola, come spesso accadeva e accade. La convivialità ha sempre fatto parte della nostra famiglia e del nostro lavoro». Sul set sono stati indossati modelli originali messi a disposizione dell’Archivio Missoni. «Abbiamo fatto una ricerca in archivio – continua Luca Missoni – per trovare gli abiti di quel momento storico». L’archivio è infatti una realtà molto importante e preziosa he oggi conserva oltre ventimila capi originali oltre a documenti, fotografie e video che raccontano l’incredibile storia della maison.

Nelle quattro puntate la nascita della grande moda italiana è raccontata attraverso gli occhi di Irene Ferro interpretata da Irene Mastrangelo, una giovane ragazza capace e ambiziosa proveniente da una famiglia modesta di emigranti dal Sud, che trova lavoro come giornalista in una prestigiosa rivista di moda chiamata Appeal.

Una storia verosimile dove la passione e la tenacia si mescolano alla fortuna di avere vissuto un periodo unico e storico. Sullo sfondo domina la grande metropoli milanese capace di accogliere e restituire, di porre ostacoli ma regalare anche grandi soddisfazioni.

di erika@varesenews.it
Pubblicato il 12 Gennaio 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore