Sergio Tamborini sarà il nuovo presidente di Sistema moda Italia

Sarà la prossima assemblea di Smi programmata per la fine di settembre a confermare l'ad della Ratti spa alla nomina di presidente

Generica 2020

Il consiglio generale di Sistema Moda Italia, riunitosi giovedì 8 aprile, ha votato all’unanimità la candidatura unica alla presidenza di SMI per il quadriennio 2021-2025, presentata dal comitato di designazione, di Sergio Tamborini.

Tamborini, 62 anni, laureato in chimica industriale all’Università Statale di Milano e specializzatosi in Economia presso la SDA Bocconi, è attualmente amministratore delegato di Ratti spa, dopo aver rivestito ruoli analoghi all’interno del Gruppo Marzotto per molti anni. Nel team dell’attuale comitato di presidenza SMI della gestione di Marino Vago, Sergio Tamborini ha svolto l’incarico di vicepresidente vicario con delega alla politica industriale.

Sarà la prossima assemblea di Sistema Moda Italia, programmata per la fine di settembre 2021, a dover varare la conferma del presidente designato. Ratti spa, azienda quotata alla Borsa di Milano, è uno dei maggiori produttori al mondo di tessuti stampati, uniti e tinti in filo, jacquard per abbigliamento, accessori e arredamento.

Nel corso degli anni, Ratti ha intrapreso un percorso verso la sostenibilità promuovendo un pensiero proattivo e facilitando le pratiche per la condivisione delle idee e il miglioramento di un nuovo modello di business. Sistema Moda Italia è la più grande organizzazione mondiale di rappresentanza degli industriali del Tessile e Moda del mondo occidentale e rappresenta un settore che con poco meno di 400.000 addetti e 40.000 aziende costituisce una componente fondamentale del tessuto economico e manifatturiero italiano.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 12 Aprile 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore