Storie Uisp sotto canestro: Motrix e Antoniana

Piergiorgio Rotoni e Stefano Rossi raccontano ad Overtime Live le loro società e ricordano Stefano Polato

basket uisp

Torna Overtime Live, le dirette del lunedì sera che raccontano la settimana di basket Uisp. Ospiti di questa settimana due protagonisti della Pallacanestro Uisp Varese: Piergiorgio Rotoni della Motrix Cavaria e Stefano Rossi della Antoniana Como.

Intervallati finalmente dalle statistiche e dalle classifiche della settimana giocata in campo, gli ospiti hanno raccontato le proprie esperienze ai “padroni di casa” della diretta: Renato Vagaggini, Lorenzo Favretto e Marco Bianchi. Due esperienze che dicono molto dello spirito da “sport per tutti” che si respira sotto i canestri Uisp, anche se le rispettive squadre senior hanno deciso di saltare anche questa stagione, anche per concentrare gli sforzi ed abbassare i rischi di contagio per i ragazzi delle formazioni giovanili, che invece sono tornati in campo da pochi giorni.

Sia Rotoni che Rossi sono volti conosciuti del basket targato Uisp Varese: dirigenti di lungo corso, hanno iniziato da giocatori per poi approdare alla panchina da allenatori e hanno attraversato tutte le fasi di vita dei propri club, rispettivamente la Motrix Cavaria e l’Antoniana Como. «Una Motrix che sarà a Sumirago – racconta Rotoni – perché è lì che avremmo dovuto iniziare a settembre con gli allenamenti. Dopo aver iniziato ad allenarci, però, non ce la siamo sentita di continuare con le partite. Abbiamo lasciato lo spazio ai nostri under 18, anche se per l’estate i campetti all’aperto ci stanno tentando». Motrix è un nome storico dei nostri campionati: in Uisp dal suo secondo anno di storia, è una asd famosa «soprattutto per il “terzo tempo” al bar vicino alla palestra», come racconta Rotoni sorridendo. Un terzo tempo capace di coinvolgere gli avversari e risolvere anche situazioni complesse: proprio con l’Antoniana, infatti, lo spirito accogliente dei cestisti della Motrix ha trasformato un disguido (il ritardo di oltre un’ora dell’arbitro) in un’occasione di festa prepartita.

L’Antoniana, come racconta Rossi, ha sede in provincia di Como, in particolare nel “Pala San Pietro” di Casnate con Bernate. Con Uisp Varese l’avvicinamento stato graduale: dalla Fip di Como alla “fama” poi confermata dell’ottima organizzazione varesina, che ha poi trascinato con sé altre formazioni comasche. «Una soluzione che ci permette anche di contenere i costi delle trasferte un po’ per tutti – ha detto Rossi – godendo anche dell’ottima organizzazione varesina».
Anche qui, i senior hanno rinunciato a malincuore al ritorno in campo, lasciando spazio alle formazioni giovanili legate all’asd. «Ma siamo un gruppo molto unito, e ci sentiamo spesso – ha raccontato Rossi – quindi per la prossima stagione saremo pronti a tornare».
In finale di puntata ha trovato spazio anche il ricordo di Stefano Polato, volto storico dell’Antoniana e di tutto il basket del territorio, mancato pochi giorni fa.

SPECIALE UISP – Tutti gli articoli di VareseNews

di
Pubblicato il 29 Aprile 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore