Piscina Manara, riapertura prevista da metà maggio. In pista gli spagnoli di Forus

Approvato in giunta l'atto di indirizzo che servirà ad arrivare ad un accordo per la dilazione dei pagamenti da parte della Sport Management che è in concordato preventivo. Al suo posto dovrebbe arrivare una società spagnola

piscina manara esterno

La piscina Manara potrebbe riaprire a partire dal 15 maggio ma una serie di tasselli dovranno andare al loro posto perchè questo avvenga.

La ripartenza della piscina e la risoluzione della vertenza con la Sport Management è stato il primo atto in Giunta stamane. L’Assessore allo Sport Laura Rogora ha, infatti, presentato un atto di indirizzo per risolvere finalmente la difficile situazione della gestione della piscina, dopo che il gestore Sport Management, anche in base alle problematiche recate dal COVID-19, ha depositato ricorso per ammissione alla procedura di concordato preventivo.

Nell’atto approvato dalla Giunta comunale, con la sola astensione degli assessori della Lega, si riannoda la storia della gestione della piscina, partendo dalla gestione Agesp e dalla successiva riassegnazione dell’impianto al Comune per arrivare all’affidamento all’attuale gestore.

Ora si dovrà arrivare, davanti ai giudici del Tribunale di Verona, ad un accordo per la dilazione dei pagamenti da parte della Sporta Management al Comune in 3 anni mentre la società spagnola Forus, che sta trattando l’acquisizione della gestione di tutti gli impianti attualmente affidati alla società veneta, potrebbe subentrare da subito nella gestione della Manara. La società iberica è nata nel 2010 e gestisce 34 impianti tra Spagna e Portogallo con 250 mila tesserati e oltre 2500 dipendenti, un colosso del settore che dovrebbe assicurare stabilità anche in futuro.

In evidenza anche le problematiche che l’emergenza sanitaria ha comportato, le esigenze e le prospettive che sono venute a galla in questi mesi, anche grazie al lavoro dei Consiglieri comunali che hanno visitato la struttura qualche mese fa.

«Il lavoro della Giunta, del Consiglio e dei dirigenti competenti, preciso e puntuale, ha generato un’ipotesi di accordo con Sport Management che potrebbe, entro i termini previsti dalla normativa emergenziale, portare alla riapertura della piscina, con la possibilità di uso da parte di società e cittadini, che in questi mesi hanno sofferto la mancanza del nostro impianto-gioiello», sono le dichiarazioni dell’Assessore Rogora subito dopo la Giunta comunale.

«Stiamo completando i lavori di manutenzione straordinaria della piscina coperta e speriamo che Sport management, che debbo comunque ringraziare per l’impegno che ha dimostrato e che ha portato a questo accordo, faccia da subito la sua parte per consegnare a tutti un impianto perfetto» – ha proseguito l’assessore.

I termini giuridici dell’accordo prevedono che entrambe le parti onorino i propri obblighi, in rapporto al mancato uso della piscina a causa dell’emergenza sanitaria, «un accordo che soddisfa il Comune e il gestore, senza creare buchi di bilancio difficilmente colmabili in questo periodo. Bravi assessori e dirigenti a trovare una soluzione assolutamente trasparente e giuridicamente ineccepibile» – sono le parole del Sindaco Emanuele Antonelli.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 05 Maggio 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore