I violini di Claudio Mondini e Anna Pecora a Villa Ottolini Tosi di Busto Arsizio

Appuntamento nella dimora ottocentesca con i due violinisti bergamaschi di altissimo livello

2 violins

Venerdì 2 luglio alle ore 21 presso Villa Ottolini-Tosi, all’interno del calendario Ba Cultura per l’Estate è atteso il secondo appuntamento della “Stagione Cameristica 2021–Sesta Edizione”. Dopo l’apprezzatissimo concerto d’apertura della Stagione, tenutosi qualche settimana fa e che ha visto ospite il Quartetto d’Archi Dmitrij Quartet, sarà la volta dei violinisti Claudio Mondini e Anna Pecora con un concerto esclusivo di presentazione del loro nuovo cd dal tiolo 2 Violins pubblicato da Stradivarius.

Anche se poco nota, la letteratura per due violini ha una storia antica, che da un lato si richiama alla funzione didattica del suonare insieme e ascoltarsi reciprocamente, dall’altro risponde alla pratica popolare. Proprio all’interno di queste diverse esigenze si muovono le composizioni che eseguiranno i due musicisti, in parte brani di musica popolare, in parte brani dallo scopo didattico, ma soprattutto dialoghi dall’alto contenuto cameristico.

La stagione è realizzata dall’Associazione Culturale Musikademia APS, con il patrocinio del Comune di Busto Arsizio, con il sostegno di Fondazione Comunitaria del Varesotto e ha come sponsor lo Studio Vabri–Dottori Commercialisti, Studio Spreafico–Dottori Commercialisti Associati, l’Istituto Clinico San Carlo e Fin-Cle Srl. L’ingresso è gratuito con obbligo di prenotazione: musikademia@gmail.com – 340 3143013.

Claudio Mondini si è formato al conservatorio “G. Verdi” di Milano con Paolo Borciani e dopo la sua scomparsa si è diplomato con Giovanna Polacco. Ha proseguito gli studi presso il Conservatorio di Utrecht con Eeva Koskinen, Philippe Hirshhorn e Viktor Liberman. Si è perfezionato ai corsi di musica da camera di Franco Rossi, Thomas Brandis, Charles André Linale, Kyoko Hashimoto, Jan Panenka. Giovanissimo, ha fatto parte dell’Orchestra giovanile Europea con la quale si è esibito nelle sale più importanti del mondo con direttori come Abbado, Metha, Haitink. Dal 1990 ha svolto intensa attività di musica da camera, in particolare con il Piano Trio Pantoum, con il quale si è aggiudicato il primo premio al Concorso Internazionale del Nederland Impresariaat di Amsterdam, e con il Gaudeamus Ensemble (quintetto d’archi), tenendo concerti sia in Italia che all’estero. Come solista si è esibito con l’Orchestra dei Pomeriggi Musicali di Milano, l’Orchestra Stradivari, i Cameristi Lombardi, l’Utrecht Blaseer Ensemble e l’Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino sotto la direzione di Z. Metha. Ha collaborato in veste di violino di fila, di spalla e di prima parte con numerose orchestre, tra le quali spiccano l’Orchestra del Teatro alla Scala di Milano, l’Orchestra della Rai di Milano, il Maggio Musicale Fiorentino, l’Orchestra del Teatro Carlo Felice di Genova, il Teatro Lirico di Cagliari e l’Orchestra Haydn di Bolzano. Può vantare numerose collaborazioni anche all’estero. È docente di violino presso il conservatorio “G.Donizetti” di Bergamo.

Anna Pecora ha intrapreso lo studio del violino a sette anni. Nel 2018 ha terminato gli studi sotto la guida di Claudio Mondini con il massimo dei voti, proseguendo il suo perfezionamento con Eeva Koskinen e Pavel Vernikov. Nel 2015 ha conseguito con il massimo dei voti e la lode la laurea triennale in scienze dei beni culturali. Ha collaborato con numerose orchestre italiane, anche in qualità di prima parte, come l’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai di Torino, l’Orchestra Carlo Coccia di Novara, la Filarmonica Gioacchino Rossini, l’Orchestra Filarmonica Italiana, l’Orchestra Antonio Vivaldi, l’orchestra Donizetti Opera e la Filarmonica del Festival Pianistico Internazionale di Brescia e Bergamo, con le quali si è esibita in alcuni tra i più importanti teatri e sale da concerto in Italia e all’estero, collaborando con solisti di fama internazionale come Martha Argeric, Mikhail Pletnëv, Beatrice Rana, Salvatore Accardo, David Geringas, e con direttori come James Conlon, Edward Gardner, John Axelrod, Riccardo Frizza, Donato Renzetti, Daniele Gatti. Oltre al repertorio orchestrale, coltiva con passione il repertorio cameristico nelle più varie formazioni. Nel 2018 le è stato assegnato il Premio di Studio del Rotary Club Bergamo Città Alta.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 29 Giugno 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore