Lo scopritore di Bordignon: “Le proposi i pesi, finì subito in nazionale”

Nicola Perri ha formato centinaia di atleti alla "Linea e Salute" di Somma Lombardo. «Giorgia migliorava ogni settimana. A Tokyo una gara fantastica»

sollevamento pesi giorgia bordignon giovane

Se l’Italia ha potuto festeggiare, per la prima volta nella sua storia sportiva, una medaglia femminile nel sollevamento pesi alle Olimpiadi, lo deve anche a un signore che nella sua Somma Lombardo porta avanti da tanti anni una palestra dove si insegnano le basi e si raccontano i segreti di una disciplina poco conosciuta ma che sa essere affascinante.

Nicola Perri, a Somma, gestisce da tanti anni la palestra Linea e Salute ma in passato è stato un atleta di pesistica e non ha mai rinunciato a questa attività. Fu lui ad accogliere una Giorgia Bordignon – perché è di lei che si parla qui – non ancora sedicenne, arrivata in palestra un po’ per curiosità, un po’ per fare nuove amicizie, un po’ per tenersi in forma. (nella foto: Bordignon all’esordio internazionale a 17 anni, in Norvegia)

Nicola, cosa accadde quando Giorgia cominciò con i pesi?

«Accadde che nel giro di pochissimo tempo dimostrò di avere delle belle qualità per questo sport. Conquistò subito la Coppa Italia under 16, venne notata e cominciò a fare le prime esperienze con le nazionali giovanili: la prima gara internazionale fu in Norvegia, la foto rappresenta proprio quell’impegno. Insomma: i suoi progressi erano netti, settimana dopo settimana, e credo che quei primi risultati hanno aiutato a fare crescere la passione in questo sport. Certo, non era prevedibile pensare di arrivare a un argento olimpico: questa è stata una cosa fantastica».

Come si convince una ragazzina a entrare in una squadra di pesistica?

Noi, qui a Somma, proponiamo di provare il sollevamento pesi a chi si accosta alla palestra. Senza impegno: se piace, siamo disponibili a proseguire e a seguire i ragazzi altrimenti sono liberi di fare la propria attività nelle varie sale. Con Giorgia andò allo stesso modo: l’abbiamo proposto e lei ha accettato. Ha trovato un bel gruppo di coetanei, allora la squadra era piuttosto grande: ha fatto amicizia, si è trovata bene e poi come ho detto i risultati sono cominciati ad arrivare. E andare ad allenarsi con una medaglia a livello nazionale sul petto è un bello sprone per proseguire».

La gara di Tokyo di Bordignon è stata anche un capolavoro di tattica.

Certamente: conta tanto anche l’aspetto tattico e quello psicologico. Del resto però stiamo parlando di una ragazza, Giorgia, che sta dimostrando una longevità sportiva molto importante. Ha cominciato a gareggiare a 16 anni, ora ne ha compiuti 34 e vi assicuro che non è semplice restare sulla breccia, a quel livello, per così tante stagioni. Lei ci è riuscita e a Tokyo ha fatto davvero qualcosa di fantastico».

Oggi lei prosegue nel formare giovani alla pesistica. Quanti ce ne sono alla “Linea e Salute”?

«Non molti purtroppo, quando entrò Bordignon il gruppo era ben più folto. Oggi abbiamo una decina di atleti, purtroppo mi sembra che i giovani abbiano meno voglia di impegnarsi in una disciplina che richiede molti sacrifici. Però oggi sono davvero felice: Giorgia ha ottenuto una medaglia meravigliosa e, anche se da anni vive e si allena altrove, mi resta la gioia di averla avvicinata e preparata a questo sport. Non me lo dimenticherò mai».

Medaglia incredibile per il Varesotto: Giorgia Bordignon è argento nel sollevamento pesi

di damiano.franzetti@varesenews.it
Pubblicato il 28 Luglio 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore