Alice Rossi, con Farioli nel segno del nonno sette volte sindaco

Rossi è commerciate e candidata con i Riformisti. Con la passione politica tramandata dal nonno Gian Pietro Rossi spera di riuscire a valorizzare la città

alice rossi elezioni busto arsizio 2021

Alice Rossi è candidata con la lista Riformisti – Lavoriamo per Busto che, insieme a Forza Busto – Civici, Liberali e Popolari, sostiene la corsa al municipio di Gigi Farioli. Commerciante in centro, classe 1989, ha la politica nel sangue: è infatti nipote del sette volte sindaco Gian Pietro Rossi, venuto a mancare nel luglio di due anni fa. Un nonno che le ha trasmesso un amore sconfinato per la città e la voglia di mettersi in gioco, per la prima volta, nella politica attiva.

Chi sei?
«Sono nata e cresciuta a Busto, facendo tutta la trafila delle scuole fino al liceo Crespi, per poi laurearmi a Brera. Vivo la città come commerciate in un negozio di cosmesi naturale, lavoro che mi ha permesso di conoscere lati di Busto che prima ignoravo, così come stare a contatto con i bustocchi ha cambiato la mia prospettiva sulla città. inoltre, da diversi anni sono donatrice di midollo osseo iscritta all’associazione ADMO: credo fermamente che tanti piccoli passi possano migliorare il nostro mondo e che ognuno di noi ne sia responsabile».

Come ti sei avvicinata all’idea di candidarti?
«In casa ho respirato aria di politica da sempre: era inevitabile considerando mio nonno, che è stata una personalità fondamentale nella storia della città. Negli ultimi anni mi ero legata molto a lui, cosa che mi ha permesso di vedere la città anche con i suoi occhi. Amava stare in mezzo alla gente, e solo per fare a piedi da piazza Santa Maria a piazza San Giovanni ci metteva due ore, salutava sempre tutti e ascoltava con attenzione. Restava interessato alle persone, e questo mi riporta ad una concezione umana di politica, vicino ai cittadini, che è andare oltre alle mere istituzioni. È la mia prima candidatura ma negli ultimi tempi avevo aiutato mio nonno che, per quanto tecnologico e curioso, aveva bisogno una mano per cimentarsi con i social. Conosco Gigi Farioli da molti anni, mio nonno lo stimava; ci siamo ritrovati un mese fa e dopo una bella chiacchierata ho pensato fosse importante fare questo primo passo. Mi sono trovata in una squadra eterogenea, con una visione a 360° che permette di pensare ai problemi da più punti di vista e renderli quindi gestibili. Questo è sicuramente un valore aggiunto della lista».

Cosa pensi serva alla città?
«Credo che Busto abbia tanti problemi ma altrettante potenzialità. Vivendo il centro da commerciante, penso che sia poco valorizzato; magari a volte ci si concentra più sul portare gente e meno sull’aiutare il commercio. Ci si dimentica poi che il centro non riguarda solo due vie, ma che abbiamo vicoli bellissimi che sono lasciati a loro stessi. Ci sono strutture eccellenti, abbiamo storia, arte e sport che dobbiamo riuscire a fare emergere. Siamo una grande città che purtroppo pensa in modo un po’ provinciale, dovremmo fare quel salto di qualità per diventare grandi non solo di numeri».

di
Pubblicato il 08 Settembre 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore