È una Tre Valli per i libri di storia: Nibali, Pogacar e Valverde ci provano. La guida alla corsa della “Binda”

Le stelle, i capitani, i varesini, la Eolo: ecco gli uomini più attesi della 100a edizione. Qui trovate anche percorso, orari, strade chiuse: seguite la corsa live in #direttavn

La Tre Valli vista da Roberto Gernetti

Quel “100” stampato ovunque davanti alla scritta “Tre Valli Varesine” ricorda a tutti che quella del 2021 è un’edizione della corsa della “Binda” destinata a finire nei libri di storia. Quella del centenario, quella che vedrà al via quasi tutte le squadre più importanti del mondo, quella che sarà contesa da un buon numero di big del ciclismo internazionale, quella che riuscirà anche a unire Busto Arsizio e Varese, città che amano rivaleggiare ma che sono coalizzate nella buona riuscita della corsa.

LE SUPERSTAR

Si ricomincia con un nome pesantissimo nell’albo d’oro a cui dare seguito, quello di Primoz Roglic (foto in alto) che trionfò in solitaria nel 2019 (lo scorso anno la Tre Valli si prese una pausa covid, ma venne molto ben sostituita dall’edizione unica del Grande Trittico Lombardo). Lo sloveno e la sua Jumbo-Visma quest’anno non ci saranno, però al via si presenterà il suo giovane e fenomenale connazionale, Tadej Pogacar, stella della UAE Emirates che si presenta a Busto con uno squadrone con il nostro Covi in gran forma (ma ha speso tanto per il secondo posto nella Bernocchi), con un Diego Ulissi che va a nozze in gare simili e con lo svizzero Marcel Hirschi che rappresenta un’altra grande punta. C’è addirittura l’iride è sulle maniche di un altro grandissimo ai nastri di partenza, Alejandro Valverde, che torna a Varese con l’intenzione di provarci a 41 anni: il Giro di Sicilia lo ha messo in luce (vittoria nella terza tappa) e gli strappi finali potrebbero ingolosirlo con una Movistar nella quale ci sono anche Cataldo e Villella. Nominata la Sicilia, non si può non citare il corridore più amato, Vincenzo Nibali, che ha ritrovato il successo nella sua terra e che conosce bene il percorso, vivendo a Lugano e avendo vinto in via Sacco nel 2015, una delle edizioni della Tre Valli rimaste nel cuore di tutti. In più la Trek-Segafredo può contare sulla classe di Bauke Mollema e su una compagine completa.

alejandro valverde vincenzo nibali alessandro covi ciclismo giro di sicilia
Valverde, Nibali e Covi sul podio in Sicilia

I CAPITANI DA TENERE D’OCCHIO

Citate le superstar e i loro bracci destri, ci sono tanti altri nomi pesanti da citare tra i partenti da Busto Arsizio. Andiamo con ordine, squadra per squadra, cominciando dalla Ineos-Grenadier che purtroppo ha perso Ganna per una caduta ma avrà una maglia rosa come Tao Geogeghan Hart, un campione come Richie Porte e un giovane leone del calibro di Ethan Hayter. L’Astana ha in ammiraglia l’amatissimo (da queste parti) Stefano Zanini e si affida alle sue stelle dell’est, il russo Aleksander Vlasov e il kazako Alexey Lutsenko mentre la EF-Nippo ha due “big da corsa a tappe” come Rigoberto Uran e Hugh Carthy a cui le salite non fanno paura. Una squadra meno nota al grande pubblico è la Israel dove Ben Hermans sta vivendo una grande stagione e dove c’è l’esperto azzurro Alessandro De Marchi. La Bike Exchange ha sede a Brunello e corre in casa anche perché ha Robert Stannard che vive a Gavirate; con lui anche Nieve e Kangert. Altro australiano-varesino è Simon Clarke della Qhubeka che non schiera Nizzolo. Bora Hansgrohe, Lotto Soudal e Intermarche-Wanty Gobert si giocano carte molto buone, rispettivamente Grossschachner, Wellens e Bakelants.
E abbiamo lasciato per ultima la Francia, non perché sia mal rappresentata ma, anzi, perché punta forte alla Tre Valli: forse solo la Cofidis non ha atleti di primo livello. Ci sono Gaudu nella Groupama-Fdj, Cosnefroy nella Ag2r, Latour e Geniez nella TotalEnergies (e Geniez ha già vinto nel 2017). Sentiremo risuonare la Marsigliese? L’ipotesi è concreta.

lorenzo fortunato ciclismo eolo kometa adriatica ionica race
Fortunato della Eolo-Kometa

ARRIVANO I NOSTRI

Già citato Alessandro Covi, che merita davvero il primo successo da “pro” (ma alla Tre Valli è difficile), bisogna ricordare che al via ci saranno anche gli altri “pro” varesotti. Edward Ravasi difende i colori della Eolo-Kometa e va alla ricerca di una prestazione importante anche perché questo 2021 non ha riservato gioie al corridore di Besnate. Per lui anche il fans club, sempre attivo nel sostegno a Eddy. Luca Chirico può essere una buona carta per l’Androni-Sidermec, e un risultato piacerebbe anche a Mario Androni, sponsor appassionato che cederà a fine stagione il “primo nome” della squadra piemontese restando però secondo marchio dietro a Drone Hopper. E poi Antonio Puppio, strepitoso nella fuga della “Bernocchi” e sesto a Legnano: avrà un’occasione da stagista alla Qhubeka.

Citata la Eolo-Kometa, non si può dimenticare che la Tre Valli è considerata la corsa di casa per Ivan Basso e il suo gruppo che si presenta agguerrito. Vincenzo Albanese è in forma da tempo e ha gambe da finisseur, Lorenzo Fortunato ha affinato la condizione in Sicilia dove è rimasto tra i migliori mentre Gavazzi e Wackermann garantiscono esperienza per dirigere il team da bordo bici. Teniamoli d’occhio perché la volontà è quella di lasciare un segno profondo, specie dopo una “Bernocchi” troppo anonima per gli standard azzurri.

PERCORSO E ORARI

La carovana della Tre Valli sarà preceduta dalla gara femminile (QUI la presentazione) su un percorso molto simile. Le operazioni di partenza saranno a Casa Eolo a Busto e il via “lanciato” sarà dato a mezzogiorno in viale Duca d’Aosta. Il gruppo resterà a Busto per una dozzina di chilometri per poi affrontare un tratto in linea che passa da Solbiate Olona (12,20), Fagnano, Cairate, Castelseprio, Carnago (12,38), Caronno Varesino, Morazzone, Gazzada Schianno (12,47), Buguggiate e Schiranna. L’ingresso a Varese avverrà intorno alle 12,55 e con il primo passaggio in via Sacco comincerà il circuito da affrontare otto volte. Si sale sul Montello da viale Aguggiari, si scende alla Brunella e poi, dopo un tratto pianeggiante, giù verso la Valle Luna per risalire da Bobbiate e Casbeno. Terminati gli otto giri (quindi verso le 15,30) comincerà il circuito lungo che prevede, dopo la discesa di Valle Luna, un tratto di SP1 fino a Calcinate del Pesce e la salita verso Morosolo e Casciago. L’arrivo è previsto dopo 196,7 chilometri tra le 16,30 e le 17 a seconda della media oraria tenuta dai corridori.

STRADE CHIUSE

Ricordiamo di fare attenzione alle chiusure stradali che, giocoforza, accompagnano gare di questo genere. In QUESTO ARTICOLO abbiamo cercato di riassumere al meglio le variazioni al traffico stradale nelle varie zone attraversate. In QUESTO invece trovate le modifiche ai trasporti pubblici di Varese.

DIRETTAVN

Come ogni anno, la Tre Valli Varesine sarà interamente coperta da VareseNews con una lunga diretta liveblog già iniziata da giorni, nella quale è già stata raccontata la Coppa Bernocchi. All’interno trovate notizie, curiosità e immagini: dalla mattina presto di martedì la cronaca minuto per minuto di quanto avverrà sui percorsi delle due corse, femminile e maschile. Potete intervenire e dire la vostra scrivendo nello spazio commenti o usando (su Twitter) l’hashtag #trevallivn. Per visualizzare al meglio il live, vi consigliamo di CLICCARE QUI.

SPECIALE TRE VALLI VARESINE
In collaborazione con BIEFFE CICLI e con WINELIVERY

 

 

di damiano.franzetti@varesenews.it
Pubblicato il 05 Ottobre 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore