La Pro Patria ospita l’imbattuto Sudtirol, Prina: “Per la vittoria serviranno ferocia e desiderio”

Domenica 17 ottobre la Pro Patria affronta la miglior difesa della categoria, guidata dall’ex Javorcic. Le parole dell’allenatore dei tigrotti: “la percentuale di errore dovrà essere bassissima”. Il racconto della partita in diretta dal nostro live blog

Pro Patria - Virtus Verona 1 -0 (3.10.2021)

Contro la prima della classe del Sudtirol ai tigrotti della Pro Patria servirà una partita fuori dall’ordinario, con la concentrazione altissima per non pagare, come visto finora, i singoli episodi che poi si ripercuotono nei risultati e di conseguenza in classifica. Ma domenica 17 ottobre, ore 14:30, per la nona del campionato di serie C la Pro Patria non affronterà solo la miglior difesa del campionato ma anche la sua ex guida tecnica: allo Speroni torna infatti il “drago” Ivan Javorcic per sua la prima da ex in una partita, che sulla carta, lo vede favorito grazie al solo gol incassato da inizio del girone.

Tanto è l’affetto lasciato dal croato nel corso delle tre stagioni a Busto, che al termine della gara sarà insignito nello speciale pannello del Pro Patria Museum dedicato agli allenatori, così come forte è l’eredita lasciata a una squadra che Javorcic conosce molto bene dopo più di quattro stagioni e la promozione dalla D.

Javorcic torna allo Speroni e la Pro Patria prepara lo sgambetto al Südtirol

«Io so che loro sanno e loro sanno che io so» ha commentato Javorcic alla viglia della partita. Uno sguardo al passato a cui Prina – giustamente – non vuole tuttavia dare troppa importanza, smarcandosi, come già fatto in passato, da paragoni con le scorse stagioni bianco-blu. «Domani la partita la faranno in campo i calciatori, sarà una partita in cui emotivamente non dovremo sbagliare nulla – ha commentato il mister nella conferenza pre-partita -. Quando giochi contro la prima della classe la percentuale di errore deve diventare bassissima, a quel punto si può pensare di portare a casa un risultato positivo. A fine partita non dobbiamo avere il rammarico dire di aver fatto una buona gara condizionata dall’episodio che ci ha penalizzato».

Prina va per la sua strada con il suo gruppo, la squadra sta facendo il suo percorso e deve guardare al futuro, non alla nostalgia del passato: «Domani mi aspetto un passo in avanti, giocare con la ferocia e il desiderio di ottenere un risultato. Questo significa mettere negli episodi un’attenzione e una concentrazione altissima».

Attenzione che finora è risultata fatale a causa di alcuni “black-out emotivi” (i tigrotti si sono fatti trascinare dal nervosismo contro Padova e Piacenza facendosi rimontare il vantaggio) che hanno portato episodi a sfavore della squadra senza, tra l’altro, che la squadra potesse pescare dal mazzo alcuni jolly – balistici o “di rapina” – grazie ai suoi attaccanti, reparto quasi mai a completa disposizione.

«Il rientro dei giocatori è sicuramente un fattore che aiuterà la squadra e le scelte dell’allenatore. – ha aggiunto Prina ripetendo un concetto già sottolineato più volte nelle ultime settimane-. Siamo una squadra in crescita, con margini di miglioramento, con il lavoro quotidiano e l’organico a piena disposizione quando la classifica conterà veramente raggiungeremo il nostro obiettivo migliorando i nostri numeri».

Cosa non ha funzionato a Sesto, quando la squadra ? «Non sono un allenatore che forse sbaglia a non sottolineare alibi e giustificazioni, cosa che tuttavia non fa parte di me – risponde prima – Giocare una partita senza attaccanti è di una difficoltà enorme, su novanta minuti ne abbiamo giocati 45 eccellenti poi per venti minuti abbiamo sofferto anche perché senza attaccanti di ruolo c’è una mole di sviluppo di gioco enorme – Ad ogni modo – conclude il mister – ogni partita è una storia a sé e non si può paragonare la partita di domenica scorsa contro quella di domani col Sudtirol. Una delle migliori partite le abbiamo fatte con il Padova che è prima insieme all’Alto Adige. Domani fare una prestazione come deve essere fatta contro una squadra che subisci pochi gol e che, insieme al Padova, è la candidata per la promozione».

GLI ARBITRI –  Sarà Dario Madonia della Sezione di Palermo ad arbitrare Pro Patria – Sudtirol. A completare la terna, gli assistenti Ivan Catallo della Sezione di Frosinone e Pio Carlo Cataneo della Sezione di Foggia. Quarto Ufficiale Antonio Di Reda della Sezione di Molfetta.

DIRETTAVN – Il racconto della partita è già iniziato sul nostro liveblog (GUARDA QUI). Potrete seguire il nostro live commentando in tempo reale e interagendo con l’hashtag #DirettaVn sui social.

di
Pubblicato il 16 Ottobre 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore