L’appello dei gestori delle piscine per riaprire al 100%

Uisp sostiene le istanze del comitato gestori imprese natatorie - Formazione: le attività proseguono in tutta Italia - Busto Arsizio: taglio del nastro per il CSK

notiziario uisp varese

NOTIZIARIO UISP del 6 ottobre 2021

NUOTO – Piscine e capienza ridotta: un appello per cambiare
Con il procedere della campagna vaccinale, il Coordinamento dei gestori degli impianti natatori chiede un ritorno al 100% dell’accoglienza. Uisp è al loro fianco, soprattutto in Emilia Romagna, dove il coordinamento è più forte.
Uisp chiede che, oltre all’aumento della capienza di stadi e palazzetti, il Governo decida per l’attenuazione delle misure di distanziamento in palestra e il superamento degli attuali limiti di capienza delle piscine, così come più volte richiesto. Negli impianti al chiuso, lo ricordiamo, accede esclusivamente chi è in possesso di Green pass.

Il Coordinamento Nazionale delle associazioni dei gestori degli impianti natatori ha scritto un appello: «Piscine e centri sportivi hanno riaperto, ma scontano ancora misure restrittive che ostacolano il ritorno alla normalità – si legge – per sensibilizzare il Governo su questo tema e accelerare una decisione, il Coordinamento nazionale delle associazioni gestori impianti natatori ha inviato una richiesta ufficiale al Presidente Draghi, al ministro Speranza, al sottosegretario Costa, alla sottosegretaria Vezzali e al presidente della Conferenza Regioni e Province Autonome, Fedriga.
Alla luce dell’attuale situazione epidemiologica e dell’orientamento del Governo alla progressiva riduzione delle restrizioni, sostenuta dai buoni risultati della campagna vaccinale, il Coordinamento Gestori ha chiesto ufficialmente la cancellazione dei limiti di capienza degli impianti natatori, a partire dal 15 ottobre, fatte salve tutte le altre misure di contrasto al contagio».
(Fonte: comunicato stampa Coordinamento Nazionale delle Associazioni Gestori Impianti Natatori)

FORMAZIONE – Unità didattiche: on line e in presenza per migliorare lo sport

Proseguono i corsi di formazione Uisp organizzati dai Comitati regionali e territoriali e dai Settori di attività nazionali. I percorsi formativi proseguono su un doppio binario: in presenza e in videoconferenza, a seconda delle necessità didattiche e in ottemperanza a tutte le direttive in tema di prevenzione del contagio da Coronavirus. È un modo per dimostrare concretamente che la formazione Uisp non si ferma in quanto spina dorsale del sistema di promozione di attività sportive per tutti e per tutte le età.

Infatti, sono circa 150 le qualifiche nazionali che Uisp rilascia a tecnici, giudici, operatori, istruttori, insegnanti, maestri, riferite alle 180 discipline organizzate in tutta Italia, a cui si aggiungono i corsi per dirigenti. Ogni percorso formativo, oltre agli aspetti specifici delle discipline e delle qualifiche richieste, prevede materie di studio finalizzate al benessere, al gioco, al divertimento, ma anche all’educazione, all’inclusione, alla valorizzazione e cura dell’ambiente.
In Lombardia, è in partenza dal 5 al 28 ottobre il corso Unità didattiche di base-Formazione on line in videoconferenza, organizzato da Uisp Aps Brescia.

inaugurazione centro studi karate busto arsizio 2021

KARATE – 200 persone per aprire la nuova casa del CSKBA

Sono passati in duecento sabato pomeriggio, tra le 15,30 e le 18, ad inaugurare la nuova sede del Centro Studi Karate di Busto Arsizio. Una nuova sede costata fatica e sacrifici, ma che nonostante i problemi legati alla pandemia la storica asd di Busto è riuscita a concludere, per aprire una nuova fase di sport per tutti. Nella foto, il sorriso di Patrizia Taddeo, Paolo Busacca, Franco Barone e Clara Barone al momento di tagliare il nastro. Da tutta Uisp Varese, un sincero in bocca al lupo per questa nuova fase.

SPECIALE UISP – Tutti gli articoli su VareseNews

di
Pubblicato il 06 Ottobre 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore