Presentata la giunta Antonelli bis a Busto Arsizio: “Ora al lavoro per spendere i soldi dei bandi vinti”

Il sindaco neoeletto Emanuele Antonelli ha presentato la squadra che governerà Busto Arsizio per i prossimi cinque anni

Generica 2020

Il sindaco neoeletto Emanuele Antonelli ha presentato la squadra che governerà Busto Arsizio per i prossimi cinque anni con il compito importante di spendere i tanti – tantissimi – finanziamenti intercettati dall’ente per una ripresa che vuole coinvolgere tutti i settori. Tra le novità la delega alle politiche giovanili per un maggiore coinvolgimento dei giovani e la volontà di attribuire deleghe anche ai consiglieri comunali.

«Sono contentissimo di questa giunta – ha sottolineato Antonelli – un mix di giovani e anziani con alcune new entry che hanno già dimostrato buona volontà e si sono già messi al lavoro. La nostra priorità deve essere quella di lavorare, tanto e bene: abbiamo tantissimi soldi da spendere, a cui si aggiungono i fondi del Pnnr che influiscono su tutte le deleghe, e che devono essere spesi al meglio».

All’assessore Maurizio Artusa, new entry candidato con la lista civica del sindaco Antonelli, è stata attribuita la delega a Economia e Sport (Finanze, tributi, attrazione risorse, sport, celebrazione matrimoni, T.S.O.): «Rappresenterò tutta la lista civica – ha dichiarato il neo assessore – che ringrazio insieme ai partiti della coalizione. Da lunedì non potrò fare altro che lavorare e studiare imparando da chi ha più esperienza di me, erto che lo sport deve continuare ad essere un fiore all’occhiello per Busto Arsizio da potenziare insieme alla cultura e alle politiche giovanili»

Altro nuovo ingresso in giunta è quello di Daniela Cinzia Cerana: l’esponente di Fratelli D’Italia avrà la delega alle Politiche Educative (Istruzione pubblica e privata, strutture scolastiche, alternanza scuola-lavoro, corsi di specializzazione, giovani, pari opportunità, celebrazione matrimoni, T.S.O.): «Sono onorata, ma allo stesso tempo preoccupata perchè le deleghe che mi sono state attribuite – ha detto Cerana –  sono molto importanti: soprattutto quelle alle Pari Opporunità e Politiche Giovanili su cui Fratelli d’Italia ha già lavorato molto. Speriamo di restituire qualcosa di utile alla cittadinanza».

È un ritorno al passato per Mario Cislaghi, già assessore per il centrodestra, che si occuperà di Servizi demografici, statistica, personale, cimiteri, celebrazione matrimoni, T.S.O: «Ho già chiesto lo stato di fatto del personale del Comune – ha dichiarato Cislaghi – e sicuramente tra le mie priorità ci sarà la risoluzione del problema delle code che si formano all’anagrafe: inaccettabili».

Sicurezza e Mobilità, due deleghe «molto calde», sono state assegnate a Salvatore Nicol Loschiavo  che ha fin da subito mostrato apertura alla cittadinanza: «Le porte del mio assessorato sono aperte ai cittadini e anche alle loro proposte. Ho già conosciuto il comandante della Polizia Locale: i dossier aperti sono tanti siamo pronti a lavorare per per dare risposte alla cittadinanza»

Mantiene le deleghe alla Cultura, Identità e Sviluppo Economico (Cultura, musei, biblioteca, commercio, industria e artigianato, marketing territoriale, celebrazione matrimoni, T.S.O.), Manuela Maffioli, vicesindaco della giunta Antonelli: «Questo mi permette di proseguire il lavoro ingranando la quinta, già innescata nel precedente mandato. E’ inoltre importante che Cultura e sviluppo economico siano insieme: un connubio che ci permette di fare assurgere la cultura a quel ruolo che la compete».

Confermato alla Rigenerazione urbana (Urbanistica, edilizia, valorizzazione del patrimonio, piano delle alienazioni, celebrazione matrimoni, T.S.O.) anche Giorgio Mariani definito dal sindaco il sognatore: «Ora è il momento di portare a termine questi sogni e trasformarli in realtà», ha dichiarato Mariani riferendosi anche ai finanziamenti intercettati dal Comune che accelerano progetti importanti per rigenerare la città.

A Maria Paola Reguzzoni, new entry nella giunta Antonelli, ma già assessore della Lega in passato, è stata data la delega all’ Inclusione sociale e salute (Servizi sociali, lavoro, politiche della casa, celebrazione matrimoni, T.S.O.): «La nostra non sarà una  giunta chiusa e ma aperta anche alle opposizioni perchè insieme dobbiamo lavorare e spendere i soldi che questa città non ha mai avuto, per la Busto del futuro».

Rimangono di esclusiva competenza del sindaco opere pubbliche, strade, verde pubblico, ambiente, ecologia, illuminazione pubblica, innovazione tecnologica, partecipate, salute e nuovo ospedale, cerimoniale e comunicazione, progetti speciali, avvocatura, celebrazione matrimoni, T.S.O.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 22 Ottobre 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore