Varesotto generoso: oltre 205 tonnellate raccolte con la Colletta Alimentare

Il cibo raccolto sarà distribuito tra 7.600 strutture caritative che assistono oltre 1,7 milioni di persone. Dopo Milano la provincia di Varese è quella che ha raccolto più alimenti

La Colletta alimentare 2021

205.642 chilogrammi di alimenti raccolti. Un gran risultato per la Colletta Alimentare in provincia di Varese, la più generosa di Lombardia, seconda solo a Milano in termini assoluti.

La colletta alimentare, al suo 25esimo anno, è tornata in presenza. Non era scontato che, con la ripresa dei contagi, 140mila volontari, nel rispetto delle norme, tornassero davanti a quasi 11mila supermercati per vivere e proporre un gesto semplice ma concreto di solidarietà.

«Un gesto capace di unire in un momento in cui tutto sembra volerci dividere: dalla ripresa del virus, ai contagi crescenti, all’insicurezza economica. La giornata della Colletta ci manifesta che sono i fatti, i gesti che innanzitutto educano, noi, i nostri figli, tutti, e possono realizzare autentica solidarietà e coesione sociale» ricorda Giovanni Bruno, presidente della Fondazione Banco alimentare Onlus.

Varesotto generoso

Quest’anno con la Colletta si sono raccolte in tutta Italia circa 7.000 tonnellate di cibo, l’equivalente di 14 milioni di pasti nonostante il momento particolare e i disagi dovuti al maltempo in numerose località. Quanto raccolto, insieme a quanto recuperato dal Banco Alimentare nella sua ordinaria attività durante tutto l’anno, sarà distribuito nelle prossime settimane a circa 7.600 strutture caritative che assistono oltre 1,7 milioni di persone.
In Lombardia sono state 1.750 le tonnellate di alimenti raccolti, equivalenti a 3,5 milioni di pasti* grazie all’impegno di oltre 40 mila volontari presenti in 1.700 punti vendita. Il raccolto verrà donato a oltre 230.000 persone bisognose nella nostra regione attraverso le 1.127 strutture caritative convenzionate con l’Associazione Banco Alimentare della Lombardia Onlus.

La provincia di Varese ha dato un grande contributo, con oltre 205 tonnellate di alimenti raccolti. Ora: non è una gara, ma è interessante notare la grande generosità del territorio del Varesotto, che ha superato la raccolta di province ben più popolose (come Bergamo o Brescia) e di province più o meno altrettanto abitate (Monza, 173 tonnellate). In termini assoluti la provincia con la maggiore raccolta è Milano, che ha portato nei magazzini oltre 600 tonnellate di materiale.

Nella zona di Gallarate la colletta raccoglie 33,9 tonnellate di alimenti

La colletta continua online

«Il ritorno della Giornata Nazionale della Colletta Alimentare in presenza, quest’anno dopo un anno di distanze – afferma Dario Boggio Marzet, presidente di Banco Alimentare della Lombardia – ha fatto sentire le persone più unite e soprattutto più piene di gioia e di sorrisi nello scambio da una mano all’altra di una spesa per chi è in difficoltà. Una grandissima emozione come se fosse la prima volta di un evento straordinario che si ripete da 25 anni».

La colletta continua online fino al 10 dicembre su Amazon.it/bancoalimentare e sul sito www.colletta.bancoalimentare.it, fino al 5 dicembre su Esselunga.it e su Easycoop.com.
Da domenica 28 novembre a domenica 5 dicembre 2021 la Colletta Alimentare continua anche attraverso le Charity Card di Epipoli, da 2, 5 o 10 euro, disponibili nei supermercati aderenti all’iniziativa oppure online sul sito www.mygiftcard.it. Le donazioni saranno poi convertite in alimenti.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 29 Novembre 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore