Malpensa sì, “ma con uno sviluppo sostenibile”

Il Movimento 5 Stelle del Varesotto segue da vicino i progetti di espansione dell'aeroporto. E lo fa in collegamento con i comitati e le associazioni del territorio

Roberto Cenci

Riceviamo e pubblichiamo il comunicato del Movimento 5 Stelle della provincia di Varese, sulle prospettive di crescita e la sostenibilità del Masterplan dell’aeroporto di Malpensa

 

MALPENSA SI MA CON UNO SVILUPPO SOSTENIBILE.
Facciamo chiarezza
La convinzione di molti cittadini dei territori limitrofi all’aeroporto,  dei lavoratori, e dell’indotto aeroportuale di Malpensa,  è quella che “no” significhi chiudere l’aeroporto mentre il “sì ” equivalga a sviluppo, lavoro e benessere.
Chiariamo una volta per tutte l’importanza di contribuire ad uno sviluppo che sia  sostenibile per l’ambiente, per il territorio e per la salute dei cittadini, e al tempo stesso inclusivo ed innovativo e  che garantisca una buona occupazione e posti di lavoro dignitosi.

Per fare questo è indispensabile che tutte le parti chiamate in causa lavorino insieme e condividano  il progetto, dove non deve prevalere la linea del profitto e dell’EUROsviluppo selvaggio, bypassando le leggi, le valutazioni ambientali e tutte le norme che regolano lo sviluppo aziendale.

Nel giro di poco tempo abbiamo avuto due iniziative importanti: il  “BioBliz ” che ha evidenziato su basi scientifiche l’importanza di salvaguardare la  presenza della brughera  con la richiesta di istituire il “Sic ” (sito di interesse comunitario ), la seconda iniziative riguarda il presidio avvenuto sabato 22 gennaio, organizzato dai comitati e associazioni ambientaliste al terminal 1 di Malpensa, e anche in questo caso è stata evidenziata la salvaguardia del territorio e delle  ultime aree verdi presenti .

Il M5S della provincia di Varese in molte occasioni, tramite il suo consigliere regionale ed esperto ambientale Roberto Cenci, si è attivato presso le istituzioni  sul tema  Malpensa e le sue ricadute sul territorio, in particolare evidenziando lo scellerato consumo di suolo, l’importanza di salvaguardare l’ ultima brughera esistente in Italia e il ruolo che essa ha come rilevatore e cartina tornasole  dei  cambiamenti climatici e dell’ ecosistema presente, che va protetto e salvaguardato . Cenci nella sua attività in Consiglio Regionale ha piu volte portato il all’ attenzione dell’assemblea, con ordini del giorno e con interrogazioni, il problema sul consumo del suolo ma anche sul ruolo  di Arpa nei rivelamenti degli inquinanti presenti nell’aria.

Nasce per questo il gruppo di “AmbientiAmo”, coordinato da Massimo Uboldi, coordinatore anche di Uni.Co.Mal e attivista provinciale del M5S per le tematiche ambientali. Questa collaborazione costante con Roberto Cenci, mediante anche numerosi eventi realizzati sul tema,  ha lo scopo supremo  di contrastare con tutti i mezzi a disposizione  gli evidenti cambiamenti climatici  in atto e visibili a tutti . Pertanto a chi pensa che il nostro impegno sia quello di impedire lo sviluppo e la crescita di Malpensa rispondiamo che Il NO riguarda esclusivamente il metodo di lavoro che è sempre stato adottato dal gestore aeroportuale con cui si impongono progetti di sviluppo senza considerare in primis la sostenibilità del territorio e la salute dei cittadini,   il tutto alimentato con il metodo del greenwashing per creare false illusioni.

di roberto.morandi@varesenews.it
Pubblicato il 25 Gennaio 2022
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore