Dal Lago Delio a Monteviasco a piedi

Un percorso di 12 km e 800 metri di dislivello passando dal Passo della Forcora e dalla Valle Veddasca, da cui si discende verso i Mulini di Piero. Da qui mancano "solo" 1442 gradini per concludere l'escursione e arrivare a Monteviasco

VA in giro tappa due Lago Delio Monteviasco

Un percorso che si snoda fra faggete secolari fra le più belle della provincia, scorci sul lago, borghi antichi e vecchie mulattiere. Coincide con una tappa del Sentiero Italia Cai, il trekking che attraversa tutta la penisola da nord a sud ed è fra i più lunghi del mondo.

Tracce in formato GPX, KML e FIT

Qui potete trovare e scaricare la traccia e le informazioni utili per percorrere la tappa:

Il percorso parte dal Lago Delio (937 m slm) per proseguire  attraverso una bella mulattiera che si alza dolcemente in quota attraversando distese di faggi e sottobosco da fiaba, fino ad arrivare al Passo della Forcora (1280 m slm). Il passo un tempo era meta rinomata per le attività sciistiche (esiste anche un impianto di risalita), oggi fa i conti con un inesorabile spopolamento dei suoi abitati e lo sconvolgiemento climatico, che dal punto di vista delle precipitazioni nevose si fa drammaticamente sentire.

VA in giro tappa due Lago Delio Monteviasco
Passo della Forcora

Dal Passo della Forcora si possono scegliere due tracciati, quello in costa (che coincide con il Sentiero Italia CAI) oppure quello a mezza costa, che è la scelta che torvate in queste tracce. In realtà è facile confondersi, perchè alcuni cartelli indicano come Sentiero Italia anche questa seconda opzione. In entrambi i casi arriverete ai Cangili di Biegno (1140 m slm), nel caso lo facciate dal sentiero più alto lo farete passando prima da Monterecchio.

Biegno

Biegno (920 m slm) è invece l’ultima frazione della Valle Veddasca prima di Inemini, in territorio svizzero. Da qui la visuale spazia fino alla meta dell’escursione: Monteviasco, sita dall’altra parte della vallata. Per raggiungerla da Biegno si scende attraverso un ripido sentiero, dal fondo molto irregolare e dove è necessario prestare la massima attezione, ai Mulini di Piero (561 m slm). Questo è forse il tratto più scosceso e pericoloso del tracciato. Suggeriamo come alternativa, da Biegno, di seguire la strada asfaltata fino alla frazione di Lozzo (direzione Maccagno, quindi opposta ad Indiemi) e da qui imboccare il sentiero che scende ai Mulini di Piero; è molto meglio manutenuto e si rischia meno.

Enjoy Summer 2022

Arrivati ai Mulini di Piero si attraversa il Torrente Giona e ci si preapara ad affrontare l’ultima grande salita: 1442 gradini di un’antica mulattiera, ad oggi l’unica strada percorribile per giuingere a Monteviasco, a 950 m slm.

di martinellieleonora@gmail.com
Pubblicato il 25 Aprile 2022
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore