Smartphone e radiazioni: la classifica dei device più pericolosi

Andiamo a vedere insieme agli esperti di MisterGadget le curiosità emerse dalla classifica degli smartphone che emettono più radiazioni tra quelli sul mercato

varie

BanklessTimes , testata molto rispettata in ambito tecnologia, ha reso pubblici i risultati di una ricerca da loro effettuata che mette in luce quali sono gli smartphone che emettono più radiazioni a radiofrequenza elevata. Una classifica ancora non ufficialmente confermata, ma che pone di certo l’accento su un tema spesso dimenticato dalla grande maggioranza della popolazione.

È necessario evidenziare che i dati presentati dalla testata non sono stati né confermati né smentiti dalle aziende o da altri organi di settore, e che dunque non necessariamente la classifica corrisponde alla realtà. Ciò che invece è sicuro è che questa poco invidiabile graduatoria riporta alla mente delle persone un tema che spesso viene preso alla leggera.

Altra cosa sicura è che effettivamente tutti i device elettronici emettono radiazioni e che la quantità di esse varia in relazione al tipo di dispositivo, modello, anno, potenza dell’antenna di trasmissione e la distanza dalla torre cellulare più vicina.

Andiamo a vedere insieme agli esperti di MisterGadget le curiosità emerse dalla classifica degli smartphone che emettono più radiazioni tra quelli sul mercato.

Il “tasso di assorbimento specifico”
Lo Specific Absorption Rate (SAR) conosciuto in italiano come “tasso di assorbimento specifico” è il valore che esprime il numero di radiazioni emesse dallo smartphone. O meglio: esprime la quantità di energia che una massa specifica di tessuto umano, il corpo dunque, assorbe nel momento in cui si trova a contatto con un campo elettromagnetico a radiofrequenza (RF).

Quindi in parole più semplici corrisponde alla somma dell’energia che un corpo può assorbire in un data tempo. Viene calcolata in unità di potenza per massa (W/Kg). L’Europa ha voluto imporre dei limiti per il bene della salute dei suoi abitanti. Quindi ogni dispositivo elettronico che superi il limite 2 W / kg in un campione di 10 grammi di tessuto è considerato non conforme alle norme e quindi non vendibile sul mercato.

Gli smartphone che emettono più radiazioni

La classifica stilata dei 10 smartphone BanklessTimes, presenta smartphone vecchi, molti dei quali non più disponibili o reperibili sul mercato. Quindi è possibile affermare che nel corso del tempo le aziende produttrici hanno lavorato pensando anche alla salute degli utenti. Primo in classifica è uno smartphone Motorola. Qui di seguito la lista completa delle prime 10
posizioni:

Motorola Edge, lo smartphone della casa alata si piazza in prima posizione registrando una misura SAR di 1,79 W/Kg
Axon 11 5G ha registrato una misura SAR di 1,59 W/Kg
OnePlus 6T ha registrato una misura SAR di 1,55 W/Kg
Sony Xperia XA2 Plus ha registrato una misura SAR di 1,41 W/Kg
Google Pixel 3 XL ha registrato una misura SAR di 1,39 W/Kg
Google Pixel 4a ha registrato una misura SAR di 1,37 W/Kg
OPPO Reno5 5G ha registrato una misura SAR di 1,37 W/Kg
Sony Xperia XZ1 Compact ha registrato una misura SAR di 1,36 W/Kg
Google Pixel 3 ha registrato una misura SAR di 1,33 W/Kg
OnePlus 6 ha registrato una misura SAR di 1,33 W/Kg

Come si può notare dalla classifica, Apple , Samsung e Xiaomi tre tra le principali aziende che dominano il settore smartphone non presentano alcun smartphone nella lista nera. Fortunatamente, la maggior parte degli smartphone inseriti risulta praticamente irrilevante sul nostro mercato, ma non possiamo evitare di rilevare come Google su questo fronte, con i suoi Pixel risulti molto deficitaria rispetto ai principali concorrenti.

di
Pubblicato il 21 Aprile 2022
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore