Due professori varesini a Super Quark 

Adriano Martinoli e Francesca Santicchia, zoologi dell’Università degli Studi dell’Insubria, hanno spiegato su Rai 1 perché gli “scoiattoli alieni” minacciano il “nostro” scoiattolo rosso europeo

scoiattolo nel parco

Nel corso della puntata di Super Quark andata in onda su Rai 1 nella serata di mercoledì 27 luglio c’era un po’ di Varese. A rappresentare la nostra città e l’Università degli Studi dell’Insubria c’erano infatti i professori Adriano Martinoli e Francesca Santicchia,  zoologi, che hanno raccontato al grande pubblico la questione dell’interazione fra i “nostri” scoiattoli, quelli rossi europei (Sciurus vulgaris), e quelli grigi nordamericani (Sciurus Carolinensis). 

Lo Sciurus carolinensis, il grigio, è uno scoiattolo originario del Nord America (Canada e Stati Uniti) importato in Europa a partire dalla fine dell’800. Potremmo definirlo “il cugino Yankee” del nostro scoiattolo, l’euro-asiatico Sciurus vulgaris, per gli amici “scoiattolo rosso”.

Econews Generico

Il professor Martinoli, che è anche un amico del nostro giornale, non ha nascosto negli scorsi giorni l’emozione di partecipare alla trasmissione scientifica per antonomasia, sul suo profilo Facebook:

«Sorrido pensando che qualche anno fa, da giovincello (beh un bel po’ di anni fa, a dire il vero…) rimanevo incantato di fronte allo schermo, affascinato dalla “magica narrativa” di Piero Angela, e ora parteciperò insieme a Francesca Santicchia ad un approfondimento sull’interazione scoiattolo rosso-scoiattolo grigio (quest’ultima specie introdotta artificialmente dall’uomo, quindi una vera e propria forma di inquinamento ambientale…), nella sua mitica e longeva trasmissione SuperquarkRai….non mi par vero. 

Cip&Ciop: due scoiattoli a Barasso
Scoiattolo rosso

Ovviamente, se valuterete che il servizio sia venuto bene, dovete sapere che gran parte del merito lo ha avuto Paolo Magliocco che ci ha fornito un bel po’ di “dritte”, da consolidato esperto del mestiere (nonché da curioso e sagace comunicatore). Senza dimenticarci le splendide immagini di Eugenio Manghi e Annalisa Losacco dei veri top-level della documentaristica (100% made in Italy)…insomma, come spesso accade, lavorare in sinergia fa esprimere i migliori prodotti, e nel nostro gruppo di ricerca University of Insubria – Environment Analysis and Management Unit lavoriamo bene insieme anche per questa nostra propensione.»

Econews Generico

La minaccia

Ma di cosa si è parlato durante la puntata? In generale le specie cosiddette “aliene” rappresentano uno dei più grossi problemi legati alla tutela della biodiversità. Si legge infatti sul sito del Ministero della Transizione ecologica che:

«Tra le principali causa di perdita di biodiversità, in Italia e nel mondo, ci sono le cosiddette “Specie esotiche invasive”. Si tratta delle specie di animali e di piante originarie di altre regioni geografiche (volontariamente o accidentalmente introdotte sul territorio nazionale), che hanno sviluppato la capacità di costituire e mantenere popolazioni vitali allo stato selvatico e che si insediano talmente bene da rappresentare una vera e propria minaccia.»

Scoiattoli alieni in Valcuvia, in espansione verso Varese città e Valganna

Accade così che lo scoiattolo grigio, molto adattabile a nuovi habitat, si inserisca perfettamente in quello che era da secoli dello scoiattolo rosso, andando a sottrarre a quest’ultimo le risorse alimentari che che immagazzina per poter sopravvivere durante l’inverno. Più grosso, più forte e meglio adattabile, il grigio condanna inesorabilmente all’estinzione il rosso.

Lo stress dello scoiattolo rosso? «Colpa dei cugini americani»

L’intervista

Di seguito l’intervista al professor Martinoli fatta in occasione della decisione della Regione Emilia Romagna di procedere con interventi di rimozione dello scoiattolo grigio.

di martinellieleonora@gmail.com
Pubblicato il 28 Luglio 2022
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore