La Fondazione Comunitaria del Varesotto finanzia 60 progetti di interventi sociali nel Varesotto

Sono 551 mila euro i fondi distribuiti tra diverse realtà del territorio che si occupano di contrasto alla povertà, attenzione ai soggetti vulnerabili, a rischio marginalità e agli anziani

assistenza anziani

Sono 60 i progetti finanziati dal bando Interventi Sociali di Fondazione Comunitaria del Varesotto a fronte di uno stanziamento iniziale di 400 mila euro, che – per venire incontro alle richieste pervenute – è stato innalzato a 551 mila euro.

«Anche alla luce delle emergenze che stiamo ancora vivendo – dice Maurizio Ampollini, Presidente di Fondazione Comunitaria del Varesotto – con questo bando abbiamo voluto puntare l’attenzione su progetti che mirano a costruire la fiducia, il senso di appartenenza e la solidarietà fra le persone che vivono le comunità e i territori. Ciò è possibile grazie a interventi concreti che saldano i legami e creano occasioni per ripensare i servizi rivolte alle persone, soprattutto a quelle più fragili».

Le linee di sostegno introdotte sono state legate a due filoni di intervento: il primo si è concentrato nel supporto ad azioni di contrasto alle multiformi tipologie di povertà grazie al fondo Pro.VA solidale (sociale, alimentare, digitale, educativa, etc…): in questo caso sono stati premiati dieci progetti che si concentrano sulla povertà economico sociale e su quella educativa.

La seconda linea è stata orientata a sostenere interventi sociali in genere, con attenzione ad esempio ai soggetti vulnerabili e a rischio marginalità, ma anche con servizi e iniziative per gli anziani, con attività che favoriscono lo scambio intergenerazionale o che intervengono sulle politiche attive per i giovani, promuovendo protagonismo e cittadinanza. Come sempre alcuni dei progetti presentati hanno ricevuto una particolare attenzione per i temi trattati e per le modalità di intervento proposte.

Ecco le otto realtà individuate con i relativi progetti per i quali Fondazione Comunitaria assume il ruolo di “maggior sostenitore” non solo per la somma erogata, ma anche per la particolare vicinanza rispetto alle fasi progettuali e alla loro incidenza sui bisogni. L’Associazione Amici della Nuova Busto Musica con il progetto “il suono della condivisone”; Sos Malnate con il progetto “What Do Youth Want”; Atap (Associazione Tutela Ammalati Psichici) con il progetto “il benessere degli animali; Fondazione Casa Marta di Saronno con il progetto Edu.ca; Fondazione Istituto Sacra Famiglia Onlus con il progetto “genitorialità 360°”, Associazione Parkinson Insubria di Cassano Magnago con il progetto “al tuo fianco”; Officina 025 di Gallarate con SportAbility+ e la Cooperativa 98 con il progetto Resiliente mente parte due.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 28 Luglio 2022
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore