Tecnologico e sostenibile, il Distretto del Commercio di Busto Arsizio prova a trasformarsi con un bando

La giunta ha approvato la partecipazione ad un bando di Regione Lombardia con l'obiettivo di migliorare e sviluppare nuove tecnologie a sostegno di un commercio di vicinato più sostenibile

smartphone

La giunta ha approvato la partecipazione al Bando Regionale “Sviluppo dei Distretti del Commercio 2022-2024”. Alla Regione sarà presentata una richiesta di finanziamento di Euro 630.000 per la realizzazione di un progetto di sviluppo del Distretto (valore complessivo 1.365.000 Euro) che punta a sostenere le imprese del commercio colpite dagli effetti della pandemia e dalla crisi economica e che tiene conto dei processi di trasformazione urbana programmati per le aree del centro storico.

Se il parcheggio è libero te lo dice l’app

La strategia di medio termine del Distretto di Busto Arsizio si muove lungo tre assi strategici di sviluppo.
Il primo asse di sviluppo riguarda gli investimenti in grado di offrire alla comunità e ai frequentatori un commercio di vicinato sicuro e di qualità attraverso una riqualificazione urbana e una migliore fruizione degli spazi pubblici. In questo ambito sono previsti la riqualificazione di Via Cavallotti e di Via Bramante per migliorare la qualità percepita dei luoghi da parte dei cittadini e per consentire l’insediamento di nuove attività commerciali in un’area che registra una consistente presenza di negozi sfitti, e la realizzazione di un parking localizzato in Piazza San Michele (dove attualmente esiste un parcheggio libero) che – attraverso una piattaforma software, un sistema di sensori e una app – consentirà ai cittadini di avere informazioni sulla disponibilità degli stalli auto e delle biciclette e al gestore di conoscere lo stato di funzionamento dei dispositivi e le informazioni utili al controllo della sosta e dei pagamenti. Si tratta di un importante servizio che migliora il livello di accessibilità dell’area a supporto dell’offerta commerciale del centro storico e riduce l’impatto ambientale della mobilità veicolare.

Digitalizzazione del commercio di vicinato

Il secondo asse di sviluppo riguarda la qualità dell’offerta dei servizi commerciali del Distretto e la “messa a sistema” dei processi di digitalizzazione del commercio di vicinato avviati durante la pandemia per consentire agli imprenditori di offrire alla comunità locale (residente e non) nuovi servizi digitali di prossimità e di poter disporre di un sistema informativo in grado di supportare il loro processo decisionale a livello aziendale. E’ in questo ambito strategico che si inseriscono il progetto Accademy, finalizzato ad accrescere la capacità degli operatori di soddisfare le richieste dei clienti e di gestire in modo più efficiente la propria attività, anche attraverso nuovi strumenti digitali, e il progetto “Confcommercio UNIASCOM Vodafone Analytics” , una soluzione innovativa di analisi dei flussi delle persone su dati provenienti dalle celle telefoniche , che consente di effettuare un’analisi della performance del Distretto del Commercio – in termini di frequentazione e animazione – valutando la dinamica dei flussi verso le attività commerciali ed ex post le performance degli eventi e manifestazioni previste. Attraverso questa soluzione le imprese commerciali e il Comune potranno disporre di un sistema informativo in grado di monitorare la provenienza dei frequentatori del Distretto, nonché verificare l’effettiva presenza di visitatori stranieri e della loro nazionalità (utile per la definizione di campagne di promo-comunicazione anche all’estero e di eventuali iniziative di formazione per gli operatori commerciali).

Commercio locale sostenibile

Il terzo asse di sviluppo del Distretto, infine, mira a far crescere un commercio locale sostenibile di prossimità integrando e rafforzando nel contempo la sua capacità di attrazione su un’area più vasta di livello provinciale. In questo ambito si inseriscono il progetto BA Bike to shop, che incentiva e valorizza la mobilità ecologica verso gli esercizi di vicinato, prevedendo ricadute economiche positive sulle stesse attività commerciali, e il progetto VareseDoYouBike – promosso da Camera di Commercio di Varese – che prevede la realizzazione di pacchetti turistici a tema che contengano itinerari cicloturistici, pernottamento, servizi di ristorazione, assistenza meccanica, ricarica batterie, assistenza relativa agli itinerari, informazioni inerenti al contesto storico-naturalistico e servizi di guida turistica. Tali pacchetti verranno definiti insieme agli operatori del Distretto per coniugare le esigenze turistiche con quelle più di natura commerciale, rappresentando un’opportunità di ampliamento del bacino di domanda dell’offerta di servizi a livello locale.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 01 Settembre 2022
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore