Da Magenta alla Slovenia: 20mila lasche pronte al ripopolamento

Il Parco del Ticino ha preso parte al progetto Life for Lasca, allevando nel proprio incubatoio gli animali che sono classificati come specie a rischio estinzione

lasche parco del ticino - Slovenia

Ventimila giovani Lasche (Protochondrostoma genei) prodotte nell’incubatoio del Parco Lombardo della Valle del Ticino sono state trasferite  da qualche giorno in Slovenia, per il ripopolamento di alcuni corpi idrici della Valle del Vipacco.

Quella di quest’anno è stata l’ultima produzione di Lasche effettuata nell’ambito del progetto Life for Lasca che si concluderà il 31 dicembre prossimo.

La Lasca è quasi del tutto scomparsa lungo il medio e basso corso del Po e in Slovenia, soprattutto a causa delle interazioni con specie ittiche introdotte (quali ad esempio Silurus glanis, Leuciscus idus, Aspius aspius, e Chondrostoma nasus). Oggi è classificata dall’IUCN (Unione internazionale per la Conservazione della Natura) come specie  in Pericolo di estinzione .

Il Parco vanta ormai alcuni anni di esperienza nell’allevamento di questo Ciprinide endemico del distretto padano veneto e della Slovenia, quindi specie caratteristica dei nostri ambienti fluviali padani. Alcune fasi dell’attività di allevamento sono state condotte anche quest’anno in collaborazione con i tecnici dell’incubatoio ittico di Abbiategrasso di proprietà di Regione Lombardia.

lasche parco del ticino - Slovenia
Le lasche

Il Parco continuerà ad allevare questa specie per ripopolare luoghi idonei lungo il Ticino anche dopo la conclusione del progetto.

«È sempre motivo di orgoglio per il Parco vedere la conclusione di un progetto LIFE condotto egregiamente – ha affermato la consigliera delegata del Parco del Ticino, Francesca Monno – e veder nascere ogni anno nel nostro incubatoio esemplari di specie ittiche a rischio di estinzione. Anche le lasche rientrano nel novero di quelle specie poco note, ma di alto valore conservazionistico per i nostri fiumi».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 24 Ottobre 2022
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore