Quanto prendono i due milioni e mezzo di persone con Reddito di Cittadinanza

I dati dell'Inps sul mese di ottobre fanno il punto sulla misura varata dal governo Conte 1 e che ora il governo vorrebbe abolire, come confermato anche oggi da Giorgia Meloni. Ecco quanti sono i percettori, quanto prendono, quanti sono i "furbetti" scoperti quest'anno grazie ai controlli

tasse soldi pagamento

«Per come è stato pensato il reddito di cittadinanza ha rappresentato una sconfitta». Con queste parole Giorgia Meloni, nel suo discorso alla Camera per chiedere la fiducia, ha confermato il giudizio negativo sul Reddito di Cittadinanza, lo strumento varato dal governo Conte 1, il “governo gialloverde”.

Fratelli d’Italia, forza trainante del centrodestra, aveva già messo nero su bianco l’intenzione di superare il RdC. Per la precisione parlava di “sostituzione dell’attuale reddito di cittadinanza con misure più efficaci di inclusione sociale e di politiche attive di formazione e di inserimento nel mondo del lavoro”.

Ma quante persone prendono il Reddito di Cittadinanza (o la Pensione di Cittadinanza) oggi? E quanto vale in media?
Il punto lo fa oggi l’Inps, con dati ufficiali sull’intero territorio italiano, aggiornati a ottobre.

In questo mese sono 1,16 milioni nuclei beneficiari, per un totale di 2,45 milioni di persone. 2,32 milioni prendono il Reddito, 136mila invece prendono la Pensione di Cittadinanza.

Quanto si prende con il Reddito di Cittadinanza?

Nei mesi passati sono state numerose le polemiche sullo strumento e anche sul presunto effetto di “freno” al mondo del lavoro.
Ma quanto vale un Reddito di Cittadinanza? L’importo medio a livello nazionale è di 551 euro.

L’importo medio varia sensibilmente con il numero dei componenti il nucleo familiare, e va da un minimo di 454 euro per i nuclei costituiti da una sola persona a un massimo di 736 euro per le famiglie con cinque componenti.

La stragrande maggioranza dei percettori è formata da italiani: 2,16 milioni sonoi cittadini italiani, 208mila cittadini extra-comunitari e quasi 84mila cittadini europei.

Per i nuclei con presenza di minori (358mila, con 1,28 milioni di persone coinvolte), l’importo medio mensile è di 682 euro, e va da un minimo di 592 euro per i nuclei composti da due persone a 742 euro per quelli composti da cinque persone.
I nuclei con presenza di disabili sono 199mila, con 443mila persone coinvolte. L’importo medio è di 492 euro, con un minimo di 388 euro per i nuclei composti da una sola persona a701 euro per quelli composti da cinque persone.

La distribuzione geografica e i controlli sui furbetti

La distribuzione per aree geografiche vede 430mila soggetti beneficiari al Nord, 328mila al Centro e 1,69 milioni nell’area Sud e Isole.

Molta polemica c’è stata anche sui “furbetti”, con casi anche eclatanti raccontati dai giornali.
In realtà la stragrande maggioranza delle storie di persone che non avevano diritto sono emerse proprio dai controlli: nel corso dei primi nove mesi le revoche hanno riguardato oltre 46mila nuclei e le decadenze 230mila. Una quota significativa, se rapportata al totale.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 25 Ottobre 2022
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore