Vargas commenta la vittoria sul Verona: “Una Pro Patria combattiva, ma potevamo fare meglio”

I tigrotti allontanano il momento di flessione e vincono di misura contro la Virtus Verona. Vargas commenta una Pro Patria non bella, ma "combattiva". "Era una partita da gestire, non da giocare con furia". L'assistman Vezzoni: "Contento soprattutto per la vittoria. A Busto Arsizio sto crescendo molto"

Pro Patria - Virtus Verona 1 a 0 (23.10.2022)

VARGAS 1 «La squadra si è spenta dopo l’espulsione di Nalini? Non credo, oggi era una partita da gestire, non c’era bisogno di andare di furia. C’era tensione in campo perché la partita era molto importante. Anche oggi abbiamo avuto qualche problemino a livello fisico, speriamo che sia poco, lo scopriremo martedì, stiamo lottando per fare di partita in partita l’11 giusto nonostante i problemi. Dispiace per questo».

VARGAS 2 «Sicuramente potevamo gestire meglio il giro-palla, bisognava dare più profondità in campo, potevamo entrare forte e attaccare meglio sugli esterni. Può capire, eravamo contro una squadra che sapeva palleggiare bene, in campionato la Virtus Verona spesso ha fatto gol nonostante sono mancate sempre le vittorie. Non è stata la nostra miglior partita, ma oggi era importante fare tre punti, in precedenza avevamo fatto sicuramente meglio, ma senza fare punti».

VARGAS 3: «Gli infortuni? Ferri ha avuto un problema al ginocchio, vediamo martedì la sua condizione. Gavioli l’ho sostituito anche se era entrato nel primo tempo (per Ferri, ndr.) perché a fine partita mi serviva un giocatore più difensivo: oggi è stata una partita su un campo veloce e al tempo stesso pesante. Sono quelle partite quando vengono vinte si riceve sempre qualcosa in più, ma se perse ti buttano giù. La Pro Patria di oggi la definirei combattiva, in particolare è mancato il guizzo finale, ma loro hanno creato pochissimo e principalmente da palla inattiva».

Lampo di Stanzani, la Pro Patria vince di misura contro la Virtus

VEZZONI 1: «Sono contento per l’assist ma soprattutto per la vittoria della squadra. Dopo le ultime due sconfitte consecutive ci volevano i tre punti in casa. Abbiamo sofferto ma abbiamo saputo gestire una partita non facile. Inoltre, le sconfitte magari sempre tolgono un po’ di fiducia, ma siamo stati bravi a portare a soffrire e portare a casa la vittoria, che era l’obiettivo».

VEZZONI 2: «La mia condizione? L’anno scorso è stato sfortunato, mentre queste ultime partite le ho state saltate per un fastidio al ginocchio. Pian piano devo fare prendere la condizione fisica migliore e fare più partire possibile, colgo l’occasione per ringraziare lo staff medico per tutto il lavoro che fanno ma che non si vede. È un lavoro importante e li ringrazio».

VEZZONI 3: «Il percorse di crescita va avanti: l’anno scorso è stato molto importante anche per il punto di vista tattico. Lo staff mi dà una grande mano, io cerco di imparare per sfruttare e fare meglio in campo. Nell’Inter Primavera giocavo a sinistra del centrocampo a cinque, ma io sono a disponibile. Mi trovo bene su entrambe le fasce anche per merito del mister che ci da quella cattiveria che ci mancava. A differenza dell’anno scorso, quest’anno ce la giochiamo in ogni partita. Vogliamo dare il massimo fino all’ultimo minuto, come dimostrato anche nelle sconfitte. La squadra è forte e compatta».

Pro Patria – Virtus Verona in diretta

di marco.cippio.tresca@gmail.com
Pubblicato il 23 Ottobre 2022
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore