Amiche Ginnaste di Luino: ““Non ci interessa il peso delle nostre atlete ma la loro felicità”

La società affiliata UISP è nata per permettere a tutti di praticare la ginnastica senza le tensioni dell'agonismo. E i numeri sono in costante crescita

amiche ginnaste speciale uisp

Le vessazioni subite dalle atlete di ginnastica ritmica hanno fatto il giro del web e non sono sfuggite ai genitori delle tante ragazzine che praticano questo sport così come altri che richiedono di essere leggeri (ad esempio, la ginnastica artistica e la danza classica). Ma lo sport di Uisp è sano per scelta. E non teme di prendere le distanze da modelli diffusi, ma reputati lesivi per la salute delle atlete.

Lo dimostra l’esempio di Amiche Ginnaste, società nata a Luino proprio con l’obiettivo dichiarato di dare ai giovani la possibilità di praticare ginnastica artistica per divertimento, senza fare competizioni agonistiche, ma comunque partecipando a campionati regionali e preparando saggi in cui valorizzare l’impegno e mostrare ai genitori i progressi fatti.

«Amiche Ginnaste è nata dopo che noi insegnanti per anni abbiamo lavorato in una società vicina all’agonismo. Esperienza che ci ha fatto venire voglia di fare qualcosa di diverso. Qualcosa che, a differenza di quello che succede nell’agonismo, desse davvero a tutti la possibilità di fare sport per il piacere di praticarlo, senza la tensione verso la vittoria o la paura di non rientrare in certi standard» affermano Martina e Michela, le due fondatrici di Amiche Ginnaste.

Un progetto che è piaciuto, tanto è vero che la società – affiliata a Uisp – ha numeri in costante crescita. Quest’anno le atlete sono un centinaio. Persone che frequentano la palestra di via Cervinia 54 a Luino, nella scuola ITIS, per il piacere di incontrarsi, di fare dell’attività sportiva stando bene insieme.

«Le società agonistiche, anche senza le violenze di cui hanno parlato le cronache nei giorni scorsi, richiedono grande impegno e sacrificio – dicono le insegnanti – Non condanniamo lo sport agonistico, ma per noi lo sport è prima di tutto inclusivo. Il nostro lavoro è diffondere la passione per questo bellissimo sport e infondere nelle ragazze sempre più fiducia in se stesse ed entusiasmo. Se riusciamo a fare questo, per noi è come salire sul podio».

Le Amiche Ginnaste non discriminano nessuno. Ma non è un mistero che tanti sport, praticati ad alto livello, richiedano fisici minuti, snelli e leggeri. Anche nella ginnastica artistica, ad esempio, peso e altezza possono penalizzare nelle evoluzioni. «Leggevo una dichiarazione del presidente di Federginnastica che diceva che il peso delle ragazze deve essere controllato da personale esperto nel settore – concludono le istruttrici – È vero che per fare gare di un certo livello bisogna stare in un certo range di peso. Ma è un tema delicato, per affrontare il quale ogni società sportiva dovrebbe incaricare un nutrizionista, altrimenti il rischio è quello di farsi prendere la mano, con i risultati gravi che abbiamo già visto».

SPECIALE UISP – Tutti gli articoli di VareseNews

di
Pubblicato il 16 Novembre 2022
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore