Elezioni provinciali, in campo l’uscente Antonelli e Marco Magrini. Attesa la decisione nel centrosinistra

Le elezioni sono indette per domenica 29 gennaio 2023 dalle 8 alle 20 e le candidature devono essere confermate entro la prima settimana di gennaio

varese generiche

Sul piatto delle candidature per il posto da presidente della provincia di Varese ci sono due nomi, per il momento: quello del sindaco di Masciago Primo Marco Magrini e quello di Emanuele Antonelli, sindaco di Busto Arsizio e presidente provinciale uscente.

Il primo ha lanciato la sua candidatura pochi giorni fa sostenuta da una lista di amministratori e consiglieri comunali. Con l’ufficializzazione dei partiti di centrodestra per il sostegno ad Antonelli, lo stesso Magrini si presenta ora con un profilo più civico e aperto ad un sostegno che potrebbe essere anche più trasversale. In questo momento non rilascia dichiarazioni se non per ribadire che «la mia candidatura è confermata».

Il nome di Emanuele Antonelli era invece quello più plausibile, nonostante le reticenze dello stesso sindaco di Busto e di un accordo pregresso che avrebbe voluto alla testa della coalizione un candidato forzista. La volontà di Fratelli d’Italia di tenere un proprio candidato nonché di una serie di tempistiche relative alla data fissata per le elezioni che hanno tagliato fuori altre opzioni, hanno infine fatto sciogliere la riserva al diretto interessato. La sua candidatura è sostenuta da Fratelli d’Italia, Lega, Forza Italia, Noi moderati e Lombardia Ideale.

Restano ancora aperte diverse opzioni nel campo del centrosinistra che potrebbe a questo punto aprire ulteriormente la rosa dei candidati o convergere sulla candidatura di Magrini. Un’operazione sulla quale nessuno si esprime ma che potrebbe essere plausibile proprio in virtù delle caratteristiche di una consultazione elettorale di secondo livello come quella delle elezioni provinciali, dove la contesa partitica non per forza deve avere centralità e dove il peso delle componenti civiche è importante.

Per aprire la rosa dei candidati, inoltre, il Partito Democratico e i civici d’area dovrebbero far fronte anche ad un ulteriore difficoltà che vale in realtà per tutti gli attori in campo in questa contesa: per come sono fatte le regole delle provinciali gli amministratori candidabili sono davvero pochi e, tra questi, quelli disponibili a farlo sono pochissimi. È atteso in ogni caso un incontro in questa parte del campo politico per venerdì 23 dicembre che potrebbe portare ad un’indicazione importante da questo punto di vista.

Nello stesso stallo resta in questo momento il Terzo Polo, che pure in questo momento giova del coordinamento di un ex consigliere provinciale come Giuseppe Licata. Si segnala tra i sostenitori di Magrini un nome importante come quello di Gigi Farioli ma ufficialmente il partito non si è espresso in alcuna direzione.

Le elezioni sono indette per domenica 29 gennaio 2023 dalle 8 alle 20 e si svolgeranno nel seggio e nelle sezioni elettorali costituite presso la sede della Provincia di Varese (a Villa Recalcati in Piazza Libertà 1, Varese). Lo scrutinio avrà inizio immediatamente dopo la chiusura delle operazioni di voto.

Le candidature dovranno essere presentate all’ufficio elettorale costituito presso la sede della Provincia di Varese dalle ore 8 alle ore 20 di domenica 8 gennaio 2023 e dalle ore 8 alle ore 12 di lunedì 9 gennaio 2023.

di tomaso.bassani@varesenews.it
Pubblicato il 22 Dicembre 2022
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore