Il Natale punk e sgangherato dei BlockBastards da Somma Lombardo

A Natale ci si ritrova in famiglia, no? E così quattro quasi-quarantenni rimettono in pista la band dei vent'anni, con un Tannebaum fracassone

Somma Lombardo generiche

Un Natale scanzonato e ad alto volume, con il ritorno dei BlockBastards, punk rock made in Somma Lombardo.
Quattro quasi-quarantenni che hanno rimesso su la band, a distanza di quasi vent’anni, per interpretare un brano natalizio, Tannenbaum celebre canto tedesco d’antica origine, intepretato con distorsore d’ordinanza e rullante aperto..

Natale si fa con i tuoi, no? E alla fine gli amici dell’adolescenza possono diventare famiglia. «Abbiamo iniziato a suonare insieme a quindici anni nel 1998, ascoltavamo il punk» ci racconta Stefano Pelosi, voce del gruppo, che vede Davide Sartori alla chitarra, Michele Vulcano alla batteriaa, Stefano Caniati al basso.

Abitavano tutti a Somma Lombardo, in quel fine anni Novanta in cui il punk viveva una nuova ondata mondiale e italiana e in cui c’era spazio per una miriade di gruppi (spazi fisici: un locale dove stare stretti, un palco, un salone dove pogare) .
«Abbiamo suonato insieme fino al 2004, tra Varese e Como, nei locali e nelle feste di paese, al Melo di Gallarate: ci divertivamo». Il gruppo si scioglie nel 2004, si perdono di vista come capita, alcuni si trasferiscono altrove (poco lontano, tra Milano e Como).

Poi salta fuori l’idea di ritrovarsi insieme, debuttando appunto con un brano natalizio che va benissimo nelle playlist delle cover punk fuori contesto (tra una Wonderful world e qualcosa dei Presidents of the Usa). O se preferite nella playlist del Natale sgangherato, tra i Dropkick Murphys e un Shane MacGowan ubriaco.
«Adesso abbiamo già pezzi in cantiere, pezzi nuovi» continua Stefano Pelosi. «Ritrovarci a suonare insieme dopo tanto è una botta di vita. La crisi di mezza età l’abbiamo presa così, con questo toccasana».

Intanto, il Tannebaum natalizio è pronto. Ma perché cantato in tedesco, quando ci sono anche versioni inglesi e italiane? «Perché io non conosco una parola di tedesco». E il risultato è in linea con lo spirito caciarone del pezzo.

di roberto.morandi@varesenews.it
Pubblicato il 20 Dicembre 2022
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore