Samarate rende omaggio al pittore Virginio Mazzucchelli

Con le sue opere ha documentato anche il paesaggio storico della brughiera del Gallaratese e della sua operosa plaga. La mostra accompagnata anche da un incontro sabato 21 gennaio

Samarate generica generiche

Aprirà il prossimo 28 gennaio una mostra dedicata all’opera e alla figura di Virginio Mazzucchelli, pittore scomparso nel 2018, nonché promotore del Premio Città di Gallarate e docente al liceo scientifico cittadino (foto di apertura: La stradina, 1944; beniculturalilombardia).

Mazzucchelli era originario del paese di Samarate e proprio qui – nella bella villa Montevecchio – si terrà la mostra a lui dedicata.
Che è anche un viaggio nelle atmosfere del passato, della Samarate e della Gallarate del Novecento, delle fabbriche e della brughiera, di un paesaggio minuto ritratto con un approccio quasi documentaristico: «Quando veniva a conoscenza di qualche edificio che scompariva, di un angolo che cambiava volto, andava a ritrarlo, quasi come fosse un fotografo» racconta Anna Banda, dell’associazione culturale GbArts, che promuove la mostra.

Una settimana prima dell’inaugurazione della mostra, sabato 21 gennaio, Villa Montevecchio ospita anche una conferenza introduttiva, sabato 21 gennaio, che ha per titolo “I Maestri di Mazzucchelli”. Saranno ricordati gli artisti De Grada, Pio Semeghini, Ugo Zovetti e Marino Marini, alcuni tra i più famosi docenti del prestigioso Istituto Superiore per le Industrie Artistiche (I.S.I.A.) della Villa Reale di Monza, a quei tempi innovativa e prestigiosa scuola d’arte (già denominata Università delle Arti Decorative) dove dal 1937 al 1942 si è formato Mazzucchelli.

Relatore sarà il professor Giampaolo Livetti, architetto e già docente di disegno e storia dell’arte al Liceo Scientifico di Gallarate. Il professor Livetti prese al Liceo Scientifico la cattedra lasciata da Mazzucchelli.

La conferenza si terrà sabato 21 gennaio 2023 alle ore 16 presso la sala Azzurra di Villa Montevecchio.

Virginio Mazzucchelli, pittore samaratese di nascita e gallaratese di adozione

Nasce a Samarate il 7 maggio 1921, si trasferisce a Gallarate nel 1953 dove muore il 14 ottobre 2018 all’età di 97 anni. Studia dal 1937 al 1942 all’Istituto Superiore per le Industrie Artistiche (I.S.I.A.) della Villa Reale di Monza a quei tempi innovativa e prestigiosa scuola d’arte (già denominata Università delle Arti Decorative) sotto la guida di famosissimi maestri.

Mazzucchelli non solo un artista, ma anche animatore culturale, promotore di rassegne artistiche, perito calligrafo e, non da ultimo, un caro amico e compagno di studi dello scultore Giuseppe Banda dal quale prende il nome l’Associazione Culturale Gb ars, promotrice di questo evento.
L’Associazione, in riconoscenza dell’alto valore artistico e della grande amicizia e stima reciproca tra i due maestri, vuole porgere un omaggio a Virginio Mazzucchelli, come è avvenuto nel 2014 per Giuseppe Banda, con una mostra antologica personale.

Arte - Mostre

Comincia ad esporre le sue opere nel 1944. da quel momento partecipa a numerose collettive e allestisce mostre personali, dedicandosi contemporaneamente all’insegnamento. È stato ordinario di disegno e storia dell’arte nei licei scientifici di diverse città. Da ultimo ha insegnato al Liceo Scientifico di Gallarate.
Un pittore paesaggista che ha sempre lavorato all’aria aperta ispirandosi alla natura, in particolare alla brughiera, al fiume Ticino e agli scorci urbani di Samarate e Gallarate.

La mostra

La mostra su Virginio Mazzucchelli sarà aperta da sabato 28 gennaio (inaugurazione alle 16.00) fino al 13 febbraio.
Orari: da lunedì al sabato dalle 15 alle 18; alla domenica 10.20-12.30 e poi 15-18.
Aperture straordinarie per gruppi, con visita guidata, disponibili inviando una mail a info@gbars.it

di roberto.morandi@varesenews.it
Pubblicato il 18 Gennaio 2023
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore