Eolo vuole raddoppiare i ricavi connettendo le Pmi

In linea con l'obiettivo “Internet dove gli altri non arrivano”, la nuova divisione punta a rafforzare il settore aziendale dedicato al business

Eolo nuovo edificio busto arsizio 2018

Eolo lancia una nuova business unit dedicata al mondo delle aziende e dei professionisti. L’internet provider di Busto Arsizio, il principale operatore in Italia nel fixed-wireless ultra-broadband per i segmenti business e residenziale, anticipa così le esigenze del mercato.

La nuova unità interna di Eolo ha infatti l’obiettivo di accrescere ulteriormente la qualità del servizio, per lavorare al fianco di ogni cliente e garantire una doppia velocità di prodotto e servizio. È una risposta all’evoluzione del mercato, sempre alla ricerca di nuove soluzioni, ma frenato dal divario digitale tra chi ha accesso e chi non ce l’ha. Rimane infatti troppo ampia la differenza tra chi ha una buona banda larga aziendale e chi invece ha una connessione lenta, poco funzionale o addirittura non ha per niente accesso alla rete. Nel nostro Paese, ad esempio, gli abbonamenti FTTH sono ancora appena il 3,7%.

Con 5.900 comuni coperti in 17 regioni, l’utilizzo della soluzione tecnologica FWA su frequenze licenziate, oltre 2.500 BTS e oltre 8.000 km di fibra ottica attivi, la rete Eolo punta a superare le problematiche che le aziende, operanti in Italia, incontrano ogni giorno. La nuova divisione ha quindi l’obiettivo di rafforzare il settore aziendale dedicato al business.

«Eolo è perfettamente consapevole delle difficoltà che hanno molte piccole e medie aziende italiane nell’accedere ad un sistema di connessione rapido ed efficiente – commenta Alessandro Favole, direttore vendite di Eolo – La nuova unità business capitalizza ed eredita l’expertise di molti dei professionisti che lavorano da tempo in azienda e si posiziona come un facilitatore di business, soprattutto delle Pmi, che contribuisce a portare il progresso e la novità anche in aree che fino ad ora erano considerate remote e non servite».

In questo modo l’azienda porterà valore in particolare alle Pmi, abilitandole a operare nel territorio in cui risiedono con performance adeguate e con attenzione alla continuità di esercizio. L’offerta Eolo si differenzia per la garanzia di una attivazione veloce e di una connessione affidabile e di qualità, con un’elevata banda garantita ed una connessione di backup in tecnologia alternativa.

Il lancio della nuova unità business rientra all’interno del percorso di crescita di Eolo, che nei prossimi tre anni punta a raddoppiare i ricavi totali, passando dai 100 milioni attuali a 200 milioni. In questo contesto, il mondo del business aziendale, composto dalla nuova unità e da wholesale, divisione che si interfaccia direttamente con gli operatori di telecomunicazioni e con gli integration system, ha l’obiettivo di passare da 39 a 78 milioni di euro di fatturato.

Una strategia di crescita che prevede lo sviluppo delle aree competenti per le diverse fasi del servizio: dalla prevendita e progettazione alla funzione di project e service management, oltre che la rete commerciale. La nuova unità  prevede la presenza di persone dedicate alla gestione end-to-end, per una struttura in grado di “accompagnare” il cliente durante tutta la “Customer Life Cycle”, dalla fase di prevendita a quella di post-vendita.

Al fianco del customer service, sarà presente anche una struttura di project management che cura la consegna del servizio e una struttura di service management, che si occupa del contatto di caring tra clienti finali e l’azienda, garantendo inoltre la capacità di progettare soluzioni tailor-made, dedicate e flessibili, per rendere facilmente applicabili i progetti più complessi anche per le piccole e medie imprese.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 04 Marzo 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore