Varese News

Con o senza stelle? I cittadini di Somma chiamati a scegliere la loro bandiera

L'ha disegnata l'araldista Marco Foppoli, riprendendo il simbolo dei tre leoni. E con una variante che adesso è ora all'esame dei cittadini, che possono votare con diverse modalità

Somma Lombardo generiche

Fervono i preparativi per i festeggiamenti dei sessant’anni di Somma Città. Come annunciato nelle scorse settimane, l’amministrazione comunale lancia un sondaggio tra la cittadinanza per scegliere la bandiera di Somma Lombardo.

La consultazione si terrà sia online, sulla pagina Facebook ufficiale del Comune, sia offline presentandosi all’Ufficio Relazioni con il Pubblico per compilare la scheda e consegnare il proprio voto. Le votazioni si apriranno mercoledì 20 marzo a mezzogiorno per chiudersi il mercoledì successivo alla stessa ora.

I cittadini sommesi potranno scegliere tra due bozzetti disegnati dall’araldista Marco Foppoli. «Nella prima proposta (nella foto sopra, ndr) i leoni rampanti ritrovano i caratteristici stilemi grafici originali tipici dell’araldica del XV secolo, appropriati per la derivazione dello stemma di Somma Lombardo dal codice quattrocentesco “Stemmario Trivulziano” e ostentano come nel più risalente stemma civico, evidenti fierezza e forza: attraverso la dignità dei suoi leoni è onorevolmente distinta la Città» spiega ancora Foppoli.

«La seconda proposta aggiunge il motivo delle stelle araldiche evocando così nel vessillo anche il motto civico di Somma Lombardo, Summa sidera celsa petit, “Somma tende verso le più alte stelle”, in una combinazione che unisce impatto simbolico, eleganza formale e completezza emblematica. Così i leoni rampanti si stagliano su un simbolico firmamento stellato che evoca l’auspicio ideale per la Città e per i suoi abitanti del raggiungimento delle più alte aspirazioni».

«La bandiera civica – conclude – è parte delle insegne che con stemma e gonfalone compongono gli elementi rappresentativi di comuni è città italiani, vessillo che può essere variamente disposto. Nel caso della Città di Somma Lombardo si è ritenuto estremamente opportuno la trasposizione in forma di vessillo dello stemma civico che garantisce, per la sua particolare forma, la migliore visibilità, riconoscibilità e percezione visiva».

Soddisfatto il sindaco Stefano Bellaria: «Siamo abituati a immaginare la bandiera come a una semplice trasposizione dello stemma civico su uno sfondo colorato. In realtà si tratta di un vero e proprio vessillo a sé stante che riprende l’elemento distintivo dello stemma. Nel nostro caso i tre leoni rampanti, che rappresentano la fierezza e la forza e che sono presenti nel codice araldico Trivulziano medievale. In più nella versione con le stelle a otto raggi ricordiamo il nostro motto e gli otto quartieri in cui è suddivisa la nostra città».

«Si vuole adottare una bandiera di Somma – prosegue Bellaria – perché Somma una bandiera non ce l’ha (non è mai stata né deliberata, né approvata da Presidenza della Repubblica e/o del Consiglio dei Ministri). Sappiamo bene quale è l’iter da seguire. Seguiremo l’esempio della città di Angera (una delle poche ad aver adottato una bandiera). Lì hanno predisposto un bozzetto, poi l’hanno sottoposto ai cittadini. Una volta scelto il preferito, hanno (previa delibera di giunta e poi di Consiglio Comunale) inviato richiesta di adozione alla Presidenza della Repubblica e a quella del Consiglio dei Ministri».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 25 Marzo 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore